Cannes Lions Health: al via la quinta edizione

20 giugno, 2018 nessun commento


La quinta edizione del Cannes Lions Health si è aperta con grandi cambiamenti e nuove opportunità per il settore farmaceutico e sanitario. Per la prima volta, infatti, il confab dedicato alla salute si svolgerà negli stessi giorni dell’International Festival of Creativity, manifestazione più ampia e orientata al consumatore tout court. In questo modo viene offerta a un pubblico più vasto e alle case farmaceutiche un’ampia possibilità di scoprire nuovi talenti e nuovi partner al di fuori del settore.

“Penso che sia bello essere più integrati, ma essere comunque autonomi e discreti, perché è diversa la sfida della creatività nella salute, nel benessere e nella farmaceutica. Non si tratta solo di un’impresa commerciale”, ha affermato R. John Fidelino, direttore creativo esecutivo di Interbrand Health e capo della giuria health & wellness di Cannes quest’anno. “L’impatto e i risultati sono le caratteristiche principali di questo lavoro”. La fusione con lo show non è però l’unico cambiamento che i produttori farmaceutici e le loro agenzie vedranno quest’anno. Linee più chiare e più distinte sono state tracciate tra le due categorie di Lions Health – pharma e heath & wellness – escludendo il lavoro pro bono e gli sforzi per la salute pubblica. Questo potrebbe significare un numero maggiore di premi per le aziende farmaceutiche.L’integrazione con il festival della creatività significa anche un pubblico più vasto. Il settore farmaceutico si differenzia da altri tipi di marketing non solo a causa del suo ambiente regolamentato, ma anche perché i suoi obiettivi vanno oltre la vendita di prodotti destinati al consumatore finale. L’ulteriore visibilità di una gamma più ampia di talenti creativi e partecipanti in tutti i settori del festival potrebbe significare un maggiore interesse da parte di potenziali partner commerciali. Andrew Schirmer, CEO di OgilvyCommonHealth North America, ha dichiarato di essere a Cannes anche per cercare nuovi talenti. Ma non tutti sono entusiasti della fusione tra Lions Health e il più ampio Festival of Creativity. Da una parte potrebbe portare infatti a un più ampio riconoscimento della creatività e della salute, ma dall’altra potrebbe comportare la perdita di intimità di una manifestazione più piccola e distinta. Sloan Gaon, CEO di PulsePoint, è uno di quelli che pensavano che i due eventi dovessero rimanere separati. “La salute ha una missione completamente diversa rispetto al resto del festival Lions di Cannes e dovrebbe avere i due giorni per parlare effettivamente di problemi che esistono nel mondo … “, ha commentato la CEO. “Quello che spero di ottenere da questa manifestazione è ciò che ho ottenuto da altri OgilvyCommonHealth creativi del passato per applicarlo ai nostri marchi farmaceutici”, ha detto Brenda Molloy , direttore creativo di Ogilvy CommonHealth. “Il nostro pubblico si aspetta tanta innovazione e creatività da quello che stiamo facendo, sia che si tratti di un farmaco su prescrizione contro il cancro o contro le allergie”.E questo è ciò che il festival può fare: aiutare le persone ad alzare l’asticella della creatività del loro lavoro in ufficio.”Nel settore sanitario esiste ancora uno sfondo di creatività “, ma l’ago si sta decisamente muovendo nella giusta direzione e il Lions Health è indubbiamente d’aiuto in questo cambiamento”, ha concluso Cherie Davies, direttore creativo di Sudler Australia e giudice della categoria salute e benessere.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*