Brexit: Scaccabarozzi, l’Ema venga in Italia

2 marzo, 2016 nessun commento


“Noi vogliamo il bene dell’Europa. Per questo speriamo che a giugno non ci sia il Brexit. Ma se dalle urne uscisse un risultato diverso chiedo – gia’ da adesso a tutte le Istituzioni nazionali ed Europee – che l’Ema (European medicines agency) venga trasferita in Italia”. A sostenerlo e’ il presidente di Farmindustria Massimo Scaccabarozzi, secondo il quale ”il nostro Paese ha tutte le carte in regola per accogliere l’ente regolatorio farmaceutico europeo”.   E bastano, aggiunge, pochi dati per dimostrarlo.  al secondo posto per produzione in UE (30 miliardi nel 2015) e l’export delle nostre aziende e’ superiore al 70%. L’occupazione cresce. Nell’ultimo anno le assunzioni da parte delle imprese sono state 6.000, quasi la meta’ under 30. ”Il farmaceutico – osserva – e’ in Italia il fiore all’occhiello dell’industria 4.0. Passi in avanti decisivi sono stati fatti anche nella ricerca: gli investimenti sono in forte crescita, con un aumento della quota degli studi clinici italiani a livello europeo e con successi internazionali nelle terapie avanzate e nelle malattie rare”.

Risultati ottenuti, continua, grazie anche ai nostri vantaggi competitivi e soprattutto “alla stabilita’ normativa garantita dal Governo che ha fatto ripartire gli investimenti. Un ecosistema per molti versi di eccellenza dunque, per merito di Imprese e Istituzioni, tra le quali Aifa (Agenzia italiana del farmaco), riconosciuta ormai a livello internazionale come una best practice per l’innovativita’ dei modelli di accesso ai farmaci. Argomenti che mi permettono oggi di chiedere con forza che l’Ema, in caso di Brexit, trovi casa in Italia”.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*