Brexit, EMA assume nuovi funzionari per sostituire i britannici

23 luglio, 2018 nessun commento


(Reuters Health) – In vista della Brexit, per sostituire gli esperti britannici, EMA sta cominciando ad assumere nuovo personale. Anche se mancano ancora otto mesi al divorzio definitivo, i funzionari del Regno Unito, infatti, hanno già smesso di occuparsi delle revisioni dei dossier che andranno oltre il 29 marzo 2019 e si stanno preparando al passaggio di consegne con i colleghi di altri Paesi. Si tratta, in realtà, di un grande problema per l’agenzia regolatoria, giacché i funzionari britannici evadevano circa un quinto dei lavoro. Inoltre, la Medicines and Healthcare products Regulatory Agency britannica svolge un ruolo fondamentale nel sistema decentralizzato di controllo dei farmaci in Europa, basato sul mutuo riconoscimento. Tra i Paesi che contribuiscono in maggior misura alle revisioni dei dossier ci sono Germania, Svezia e i Paesi Bassi. Lo scenario del dopo Brexit non è ancora chiaro, anche dopo il voto della settimana scorsa, con il quale il Governo britannico ha espresso l’intenzione di continuare ad avere ampia partecipazione nell’EMA.

Fonte: Reuters Health News
(Versione italiana per Daily Health Industry)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*