BMS Celgene, a rischio l’accordo

Condividi:
Share

(Reuters Health) – Il principale azionista di Bristol-Myers Squibb, Wellington Management, non intenderebbe supportare l’acquisto da 74 miliardi di dollari di Celgene.

Una dichiarazione che mette in pericolo quella che sarebbe la più grande acquisizione farmaceutica di tutti i tempi.

Wellington Management, con sede a Boston, raramente rende pubbliche le sue opinioni. La sua opposizione all’accordo potrebbe incoraggiare altri azionisti a farsi avanti.

Questo sviluppo della situazione ha alimentato l’incertezza degli investitori sulle prospettive dell’affare. Le azioni di Celgene sono diminuite dell’8,5% dopo la dichiarazione di Wellington, mentre le azioni di BMS sono aumentate del 3%.

Lo spread tra il prezzo delle azioni di Celgene e il valore di BMS è quasi raddoppiato.

Wellington Management, che detiene l’8% circa delle azioni di BMS, ha dichiarato considerare l’accordo con Celgene troppo rischioso e costoso. Ha detto anche che ci sono altre opzioni interessanti che “potrebbero essere più attraenti”.

BMS ha dichiarato in un comunicato che, da quando ha annunciato l’accordo con Celgene, il suo consiglio di amministrazione ha avuto “numerose conversazioni e incontri” con gli investitori, tra i quali Wellington. “Riteniamo che il prezzo di acquisto di Celgene sia interessante e che questa transazione rappresenti un’occasione importante e unica per creare valore sostenibile”, ha dichiarato BMS.

A differenza di Wellington, molti azionisti di Bristol-Myers hanno partecipazioni significative in Celgene. Questa sovrapposizione potrebbe aumentare il sostegno all’accordo perché gli azionisti di Bristol-Myers saranno meno preoccupati visto che l’obiettivo di acquisizione, Celgene, è anch’esso di loro proprietà.

BMS dovrebbe emettere un numero significativo di nuove azioni per pagare l’accordo con Celgene. La decisione è prevista per il 12 di aprile nel corso di una riunione speciale.

Se l’accordo saltasse, BMS dovrebbe pagare a Celgene una penale di 2,2 miliardi di dollari.

Fonte: Reuters Health News
(Versione italiana per Daily Health Industry)

Notizie correlate

Lascia un commento