Biosimilari: Teva irrompe nel settore in partnership con Celltrion

14 ottobre, 2016 nessun commento


Teva e la coreana Celltrion hanno stretto un patto commerciale sui biosimilari. Il gigante israeliano dei farmaci generici prova così a farsi strada nel mercato in crescita delle copie biologiche. Per Teva si tratta della seconda partnership in questo caso, dopo la chiusura di quella con Lonza nel 2013. Teva pagherà 160 milioni di dollari in anticipo per contribuire a vendere due degli anticorpi biosimilari di Celltrion – vale a dire la sua copia del Rituxan (Rituximab), il CT-P10, venduto da Roche e Biogen per i tumori del sangue e l’artrite, e il CT-P6 , il suo biosimilare sperimentale di Herceptin (trastuzumab), trattamento di Roche per il cancro al seno. Nessuno dei due farmaci è già stato approvato e sono in corso studi di fase III – dove entrambi hanno recentemente centrato i loro obiettivi di test.
Celltrion ha presentato CT-P10 all’EMA lo scorso ottobre e ha detto che sta preparando la presentazione europea di CT-P6 cercando di ottenere l’approvazione da parte dell’EMA questo trimestre.

Come parte della transazione, Teva sarà responsabile di tutte le attività commerciali in Nord America che otterranno l’approvazione, mentre Celltrion si occuperà della conclusione dell’intero sviluppo clinico e dell’attività di regolamentazione.”Questa partnership commerciale con Celltrion permette a Teva di espandersi nella prossima ondata di biosimilari e costruirsi una forte posizione nel settore”, spiega Siggi Olafsson, presidente e CEO dei farmaci generici globali a Teva. L’introduzione di due ulteriori candidati biosimilari mAb nella nostra pipeline a breve termine rafforza il nostro portafoglio biosimilare e continua a sfruttare le capacità cross-funzionali uniche di Teva, sia sui farmaci specialistici, sia sui generici. Non vediamo l’ora di iniziare la nostra partnership con Celltrion e con la sua esperienza nello sviluppo e nella produzione di biosimilari mAb”.
Lo scorso aprile, la FDA ha approvato la versione biosimilare di Celltrion di Remicade (Infliximab) di Johnson & Johnson – commercializzato in partnership con Pfizer – per un gran numero di indicazioni, tra cui l’artrite reumatoide, la spondilite anchilosante, l’artrite psoriasica, la malattia di Crohn, la colite ulcerosa e la psoriasi. Pfizer ha interrotto il legame con Celltrion lo scorso anno per le copie di Rituxan e Herceptin.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*