Bayer: tutto pronto per il BHAP 2019

Condividi:
Share

C’è tempo fino al prossimo 30 novembre per iscriversi all’edizione 2019/2020 del Bayer Hemophilia Awards Program (BHAP), il programma che sostiene progetti di ricerca clinica e di base, oltre ad iniziative educazionali in emofilia in tutto il mondo.

La nuova edizione prevede tre categorie di premi:

· Clinical Research Award: dedicato a progetti di ricerca clinica nell’ambito dei disordini emorragici

· Basic Research Award: dedicato a progetti di ricerca di base nell’ambito dei disordini emorragici

· Fellowship Project Award: garantisce training in emostasi a giovani medici che vogliono proseguire il proprio percorso in emofilia.

Dieci esperti internazionali provenienti da India, Stati Uniti, Paesi Bassi, Finlandia, Canada, Germania e Giappone avranno il compito di esaminare le candidature. Nel Comitato di valutazione anche un’eccellenza italiana nel campo dell’emofilia,Pier Mannuccio Mannucci, Professore emerito di medicina interna all’Università degli Studi di Milano.

Nei 17 anni di storia del premio, Bayer ha assegnato oltre 290 riconoscimento a medici e operatori sanitari di 33 Paesi, per un totale di 35 milioni, e ha contribuito a più di 400 pubblicazioni, presentazioni di poster e altre comunicazioni scientifiche da parte dei premiati. In Italia, nel corso degli anni, sono stati assegnati 35 premi nelle differenti categorie.

“Il Bayer Hemophilia Awards Program . dice Simona Gatti, Responsabile Medical Affairs Specialty di Bayer in Italia – rappresenta l’ennesimo passo verso il miglioramento dei trattamenti di questa rara patologia del sangue. Questa iniziativa dimostra infatti il nostro continuo impegno e assistenza alla comunità emofilica mondiale, oltre alla volontà di migliorare la qualità di vita e le opzioni terapeutiche utili a contrastare i disturbi emorragici dei pazienti in maniera sempre più efficace”.

Ci si può iscrivere al BHAP andando sul sito http://www.bayer-hemophilia-awards.com.

Le date da ricordare sono il 30 novembre 2019 per l’invio della lettera di intenti e fine febbraio 2020 per la “full proposal”.

Notizie correlate

Lascia un commento