Bayer internalizza i media digitali

Condividi:
Share

La possibilità di avere un controllo più efficiente ed efficace sui dati digitali, oltre che il risparmio derivante dal fatto di non dover più pagare agenzie esterne, ha spinto Bayer a prendere la decisione di internalizzare i servizi digitali.

Con Google che è pronta ad eliminare i cookie dal prossimo anno, Brian Cantwell, vice presidente delle strategie e operazioni digitali di Bayer, è convinto che l’azienda farmaceutica stia facendo la mossa giusta al momento giusto, mossa che consente, appunto, di gestire i dati in modo più diretto in quello che diventerà un mondo post-cookie.

“Ci rendiamo conto che per avere successo nel 21° secolo abbiamo bisogno di capacità digitali più solide per soddisfare i clienti ovunque si trovino sui canali digitali in cui cercano informazioni per decidere sulla loro salute”, spiega Cantwell.

Per facilitare il cambiamento, Bayer sta costruendo un reparto dedicato a specialisti digitali interno, che include analisti, esperti di brand e creativi. In questo ambito il settore farmaceutico è stato più lento a muoversi e Cantwell ritiene che Bayer sia la prima azienda farmaceutica a impegnarsi completamento nel nuovo modello.

La sfida più grande, secondo il manager, sarà il cambiamento culturale dalle mansioni di base alla pianificazione e all’acquisto di media strategici. Per ora, l’azienda tedesca sta usando un’agenzia specializzata per facilitare il passaggio dal vecchio al nuovo modello e ha come obiettivo quello di avere uno staff di dipendenti a tempo pieno entro la metà del 2022.

 

Notizie correlate

Lascia un commento