AstraZeneca, entro fine anno versione vaccino contro la variante sudafricana

Condividi:
Share

(Reuters) – Una versione modificata del vaccino anti COVID-19 di AstraZeneca, efficace nel combattere la variante del coronavirus scoperta per la prima volta in Sud Africa, potrebbe essere pronta entro la fine del 2021. Lo ha annunciato un funzionario della pharma anglo-svedese in un’intervista rilasciata al quotidiano austriaco Kurier e pubblicata domenica 18 aprile.

Sarah Walters, country manager di AstraZeneca per l’Austria, ha infatti dichiarato al giornale che gli studi sul preparato immunizzante, i quali indicano finora che il vaccino attuale é meno efficace contro la variante documentata per la prima volta in Sud Africa, sono stati “troppo esigui per trarre conclusioni finali”.

“AstraZeneca e l’Università di Oxford hanno iniziato intanto a modificare il vaccino per renderlo efficace contro la variante sudafricana e prevediamo che il prodotto sarà pronto entro la fine dell’anno”, ha detto Walters nell’intervista.

Walters ha anche affermato che i problemi emersi finora – compresi i ritardi di consegna del vaccino all’Unione Europea – sono dovuti al “complesso processo” di produzione del vaccino e alla domanda estremamente elevata dovuta alla pandemia da coronavirus in corso.

“Abbiamo dovuto lavorare senza tenere scorte di riserva e di conseguenza non siamo riusciti a compensare gli eventi imprevisti”, ha affermato il manager”. Siamo fiduciosi che manterremo il nostro impegno di fornire quest’anno 300 milioni di dosi all’Unione europea”.

Nell’intervista non si è parlato direttamente delle indagini in corso sugli effetti avversi emersi dopo la somministrazione del vaccino di AstraZeneca. L’UE ha nel frattempo aggiunto, sui flaconi contenenti il vaccino, un’avvertenza che mette in guardia di un suo possibile collegamento con le gravi trombosi venose, comunque estremamente rare, comparse in alcune persone dopo la somministrazione del prodotto.

Fonte: Reuters Health News
(Versione italiana Daily Health Industry)

Notizie correlate

Lascia un commento