AstraZeneca e Daiichi Sankyo: accordo da 7 mld di dollari

29 Marzo, 2019 nessun commento


Condividi:
Share

(Reuters Health) – Fino a 6,9 miliardi di dollari. Tanto potrebbe arrivare a pagare AstraZeneca a Daiichi Sankyo in base a un accordo di sviluppo e vendita dell’antitumorale dell’azienda giapponese trastuzumab deruxtecan.

Su questa base, AstraZeneca verserà un pagamento anticipato di 1,35 miliardi di dollari.

Le due aziende condivideranno, poi, i costi di sviluppo e commercializzazione del medicinale in tutto il mondo, con Daiichi che terrà invece i diritti in esclusiva in Giappone.

L’accordo è una scommessa importante per l’azienda inglese che sta facendo di tutto per rifornire la sua pipeline di antitumorali, mentre crescono le vendite dei suoi farmaci anticancro.

Le due aziende, inoltre, hanno una partnership di lunga data che include un accordo del 2015 per commercializzare insieme il farmaco per la costipazione Movantik negli USA.

Secondo Pascal Soriot, CEO di AstraZeneca, trastuzumab deruxtecan “potrebbe diventare un farmaco di svolta nel trattamento dei tumori del seno e gastrici HER2 positivi”.

Si tratta di un cosiddetto anticorpo-farmaco coniugato (ADC), progettato per colpire solo le cellule tumorali risparmiando le cellule sane che normalmente vengono danneggiate dalla chemioterapia.

Il farmaco ha anche il potenziale di trattare i tumori di polmone e colon-retto.

Daiichi Sankyo ha in programma, nel lungo termine, di focalizzarsi sull’oncologia, con l’obiettivo di arrivare a 4,52 miliardi di dollari di vendite entro il 2025, partendo dai 20 miliardi del 2017.

L’azienda giapponese sta anche pensando di vendere l’unità di farmaci da auto-medicazione.

La scorsa settimana ha annunciato che il presidente e COO Sunao Manabe sostituirà, dal 17 giugno, l’attuale CEO George Nakayama, senza dare però ulteriori spiegazioni sull’avvicendamento.

Fonte: Reuters Health News
(Versione italiana per Daily Health Industry)

Tag:,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*