Approvazione vaccino Pfizer/BioNTech: le reazioni in USA

Condividi:
Share

(Reuters) – Dal presidente USA Joe Biden agli esperti internazionali di malattie infettive, alle principali associazioni mediche: tanti sono stati i commenti positivi sull’approvazione piena che lunedì la FDA ha concesso al vaccino contro il COVID-19 di Pfizer/BioNTech.

Su Twitter il presidente americano ha spiegato che l’ok definitivo dovrebbe ora dare più fiducia ai consumatori sul fatto che questo vaccino è sicuro ed efficace e invita le persone che finora non si sono vaccinate a farlo. Il presidente della Società Americana di malattie infettive, Barbara Alexander, ha invece commentato che l’approvazione conferma la vaccinazione come un’importante strategia per il declino delle infezioni e per prevenire i ricoveri e i decessi a causa del COVID-19.

Jesse Goodman, esperto di malattie infettive della Georgertown University, negli USA, ha sottolineato che, con questa approvazione, la FDA ha dichiarato apertamente che i benefici del vaccino Pfizer/BioNTech superano qualsiasi rischio. Inoltre, l’ok autorizza i medici a prescrivere dosi aggiuntive del vaccino e l’esperto invita anche FDA e CDC a fornire linee guida, mentre si accumulano dati su combinazione di diversi vaccini nell’immunizzazione.

A sottolineare l’importanza dell’approvazione per le persone che avevano dubbi sulla vaccinazione è anche l’American Medical Association che invita ora a raggiungere elevati livelli di vaccinazione anche con politiche che la rendano obbligatoria. L‘associazione dei pediatri americani rimarca la raccomandazione di non usare il vaccino al di sotto dei 12 anni di età, anche se l’ok definitivo potrebbe portare i medici a usarlo in modalità off-label in questa fascia di età.

Infine, Paul Offit, dell’Università della Pennsylvania e membro del panel di esperti sulla vaccinazione della FDA, ha sottolineato che l’approvazione definitiva conferma non solo che il prodotto è efficace, ma anche che il processo e i siti di produzione sono sicuri, mentre l’associazione Medici Senza Frontiere chiede a Pfizer e BioNTech di condividere tecnologie e conoscenze per favorire la produzione del vaccino in Africa in modo da aumentare la distribuzione del prodotto a livello globale.

Fonte: Reuters Health News
(Versione italiana Daily Health Industry)

Notizie correlate

Lascia un commento