Amgen: Q2 positivo nonostante contrazione delle entrate

31 Luglio, 2019 nessun commento


Condividi:
Share

(Reuters Health) – Nonostante una contrazione delle entrate del 3%, principalmente causata dalla maggiore concorrenza verso i farmaci a brevetto scaduto, Amgen ha superato le stime di Wall Street nel Q2.

L’azienda biotech ha così deciso di aumentare le previsioni per l’intero anno: quelle degli utili rettificati passano al range 13,75-14,30 dollari da 13,25 – 14,30, mentre sono attesi ricavi pari a 22,4-22,9 miliardi di dollari, a fronte di una precedente stima di 22-22,9 miliardi di dollari.

Amgen ha riportato nel Q2 un utile rettificato per azione in aumento del 4%, a 3,97 dollari, quando gli analisti si aspettavano una media di 3,56 dollari per azione. Ha inoltre registrato un utile netto di 2,17 miliardi rispetto ai 2,29 miliardi di dollari dello stesso periodo dello scorso anno.

Il fatturato totale ammonta a 5,87 miliardi di dollari; una cifra che, seppure inferiore rispetto a quella registrata nel 2018, ha superato le stime degli analisti (5,66 miliardi di dollari).

Le vendite del farmaco contro l’ipercolesterolemia Repatha sono aumentate del 3%, arrivando a 152 milioni di dollari, sotto le stime di Wall Street che le davano a 157 milioni di dollari.

Di contro le vendite nel nuovo farmaco contro l’emicrania Aimovig hanno raggiunto gli 83 milioni di dollari nel Q2, battendo le previsioni che si attestavano a 77,4 milioni di dollari.

Male le vendite di Neulasta – scese del 25%, a 824 milioni di dollari – e quelle di Sensipar, calate addirittura del 71%, arrivando a 122 milioni di dollari, a causa dell’aumento della concorrenza dei generici e dei biosimilari.

Fonte: Reuters Health News
(Versione italiana per Daily Health Industry)

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*