Allergan, si riduce il forecast 2016. Il CEO: colpa mia

3 novembre, 2016 nessun commento


(Reuters Health) – Il Q3 di Allergan delude e il CEO si assume la responsabilità di aver sottovalutato lo scenario. Conseguenza: riduzione delle previsioni di guadagno per il 2016. Brent Saunders ha dato priorità agli acquisti di piccole case farmaceutiche, poiché la fusione pianificata da 160 milioni di dollari con Pfizer è sfumata nel mese di aprile; inoltre ha sottovalutato i trend di vendita per alcuni dei suoi prodotti più datati, come Asacol per la colite ulcerosa e Namenda per trattare la demenza da Alzheimer. “La perdita non ha riguardato i prodotti che abbiamo promosso”, ha detto Saunders, “ma alcuni di quelli a cui non abbiamo prestato molta attenzione. Non si tratta di una scusa; speriamo che non si ripeta. Mi prendo la totale responsabilità della situazione”.

L’azienda è riuscita comunque a risollevare il morale degli investitori, affermando di aver aggiunto 5 miliardi di dollari al suo programma di buyback, raggiungendo così i 15 miliardi di dollari di capitale azionario, e di dare corso, per la prima volta, a un dividendo trimestrale di 70 centesimi di dollaro per azione, a partire dal primo trimestre del 2017. A maggio, Allergan aveva dichiarato che avrebbe riacquistato fino a 10 miliardi di dollari di titoli e mercoledì ha confermato di aver riacquistato 5 miliardi di dollari di azioni e di averlo fatto in anticipo rispetto ai programmi. Secondo Thomson Reuters I/B/E/S, escludendo le voci speciali, l’azienda con sede a Dublino ha guadagnato 3.32 dollari per azione nel terzo trimestre, mancando di molto la stima media degli analisti di 3.56 dollari. Le entrate nette sono salite di 4.4 punti percentuali, raggiungendo i 3.62 miliardi di dollari, ma sono risultate inferiori alla stima media degli analisti di 3.68 miliardi.

La leadership di Saunders 
La nuova azienda è nata quando la dublinese Actavis, sotto la leadership di Saunders, ha acquistato la produttrice del Botox a marzo 2015, strappandolo a Valeant e mantenendo il nome di Allergan. Allergan h poi a venduto il business dei generici Actavis per 40.5 miliardi di dollari e quello della distribuzione del suo farmaco Anda per 500 milioni di dollari a Teva. La perdita netta delle attività operative in corso, al netto delle tasse, si è ridotta a 380.1 milioni di dollari, o 1.15 dollari per azione, dagli 875 milioni di dollari, o 2.40 per azione, dell’anno precedente. L’azienda ha ridotto la previsione dei ricavi netti annuali per le attività in esercizio da 14.65-14.90 miliardi di dollari a 14.45-14.65 miliardi di dollari. Inoltre, Allergan ha fatto registrare una diminuzione del profitto annuale da un precedente range di 13.75-14.20 di dollari per azione a 13.30-13.50.

Fonte: Reuters Health News 

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*