Allergan: nuova pubblicità guarda ai millennial

26 settembre, 2018 nessun commento


Negli USA Allergan ha presentato in anteprima agli investitori la nuova campagna pubblicitaria dei prodotti di punta, che guarderà con occhio particolare i millennial. La casa farmaceutica di Dublino ha annunciato che raddoppierà gli investimenti. L’obiettivo è quello di aumentare le vendite del 20% entro dicembre e di lanciare ogni anno da uno a due nuovi prodotti dedicati all’estetica. Per Juvederm è stato fissato l’obiettivo di rendere il dermal filler familiare come Botox.La campagna pubblicitaria dedicata si chiamerà ‘Juvederm It’. Un altro prodotto di punta, CoolSculpting, come ha riferitoo Brent Hauser, VP body counturing, è stato oggetto di una campagna pubblicitaria di grande successo. Negli ultimi sei mesi, la pubblicità televisiva e multimediale Cool Not Cool ha contribuito ad aumentare la conoscenza del prodotto di 17 punti. I millennials sono un punto di riferimento per i prodotti estetici di Allergan, in quanto si tratta di un enorme numero di persone enorme che sta invecchiando.
Il top manager Bill Meury ha parlato del perché il gruppo sia fondamentale: “Cominciano prima degli altri. La prevenzione fa parte della loro mentalità. Posso dire che fanno le loro ricerche e non entrano in uno studio di medicina estetica senza sapere qualcosa sulla materia. Il 50% dichiara di essere fedele al marchio e il 90% di loro spargerà la voce su quello che preferiscono. Questo ‘gruppo’ diventerà il nostro cliente più importante entro il 2025”.

Tutto ciò significa una declinazione multicanale della campagna pubblicitaria. A fianco dei media tradizionali (giornali e tv), largo spazio a web e social media. I prodotti per l’estetica di Allergan, ad esempio, hanno già un programma di fidelizzazione del consumatore chiamato Brilliant Distinctions, o BD, che viene usato per vendere prodotti e inviare promozioni. BD ha attualmente 5 milioni di membri, con una media di 50.000 nuove iscrizioni ogni mese. Allergan prevede che le vendite saliranno dai 3,8 miliardi di dollari dello scorso anno a una cifra tra i 7 e gli 8 miliardi di dollari entro il 2025.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*