Allergan compre LifeCell e si rafforza nella medicina rigenerativa

23 dicembre, 2016 nessun commento


Per Allergan il 2016 si chiude con una nuova acquisizione. Per 2,9 miliardi di dollari, l’azienda irlandese si è assicurata LifeCell, società specializzata in prodotti per la medicina rigenerativa che nel 2016 ha chiuso con 450 milioni di dollari di ricavi.

Tra i prodotti di LifeCell ci sono AlloDerm, una matrice di tessuto umano, Revolve, un dispositivo per l’innesto di grasso, e Strattice, una matrice a base di tessuto porcino. Prodotti che rafforzeranno il porfolio di Allergan nella medicina estetica e rigenerativa. Secondo l’analista di Bernstein, Ronny Gal, l’acquisizione “rientra nella strategia aziendale”. La medicina rigenerativa, infatti, è un settore che si sposa bene con uno dei farmaci di punta di Allergan, Botox, senza considerare protesi mammarie e filler dermici prodotti dall’azienda irlandese. Per Allergan, nel terzo trimestre le cose sono andate un po’ peggio delle previsioni, soprattutto per il calo nelle vendite di Namenda XR e del generico di Asacol per il trattamento della colite ulcerosa. E anche il farmaco oftalmico Restasis, per la malattia rara nota come incontinentia pigmenti o sindrome di Bloch-Sulzberger, sarebbe sotto pressione. All’inizio di questo mese, poi, il Patent Trial and Appeal Board dell’ufficio brevetti americano ha deciso di rivedere tutti e sei i brevetti di punta di Allergan. Ma l’azienda irlandese sta facendo il possibile per rafforzare la linea dei suoi prodotti attraverso acquisizione e il CEO, Brent Saunders, ha portato avanti diversi piccoli accordi invece di arrivare a una megafusione. Ora la sfida è se Saunders riuscirà a convincere Wall Street che i 5 miliardi di dollari spesi nel 2016 renderanno bene.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*