Adaptive Biotechnologies: IPO al Nasdaq per nuova linea test diagnostici

18 Giugno, 2019 nessun commento


Condividi:
Share

Per finanziare lo sviluppo dei suoi test diagnostici di sequenziamento mirati al sistema immunitario e alla ricerca su terapie correlate, Adaptive Biotechnologies sta pianificando un’IPO da 200 milioni di dollari.

La società con sede a Seattle vorrebbe entrare nel NASDAQ con la sigla ADPT offrendo 12,5 milioni di azioni a un prezzo tra 15 e 17 dollari l’una, così da avere, in media, un valore di mercato di 2,1 miliardi di dollari.

Attualmente Adaptive ha due linee di prodotti commerciali: il kit immunoSEQ, con il servizio di ricerca traslazionale a questo associato, e il test diagnostico clinico clonoSEQ, per monitorare i livelli minimi di malattia residua dopo il trattamento del cancro. Quest’ultimo dispositivo ha avuto l’ok della FDA a settembre 2018 per il monitoraggio dei campioni di midollo osseo su cellule tumorali residue in pazienti con mieloma multiplo e leucemia linfoblastica acuta a cellule B.

La piattaforma ImmunoSEQ èstata usata da più di 125 aziende biofarmaceutiche ed è stata oggetto di oltre 480 studi clinici da quando è stata lanciata nel 2009.

Dopo l’IPO, la società prevede di avviare lo sviluppo di un kit di nuova generazione in grado di avviare una ricerca su un’ampia gamma di tipologie di campioni.

Adaptive sta lavorando con Microsoft per applicare l’apprendimento automatico alla creazione di un atlante che mappi le interazioni tra sistema immunitario e diverse malattie, con l’obiettivo di sviluppare un esame diagnostico del sangue. Le due aziende puntano a confermare le prime indicazioni del test entro la fine di quest’anno per portare il tutto in revisione alla FDA nel 2020.

Infine, Adaptive ha firmato una collaborazione multimiliardaria con Genentech per sviluppare terapie con cellule T per il trattamento di un’ampia gamma di tumori.

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*