AbbVie: in USA la campagna digitale Talk Fibroids incoraggia le donne a parlare di fibromi

Condividi:
Share

Con le visite mediche sospese nel corso della pandemia di COVID-19, la campagna digitale ‘Talk Fibroids’, promossa da AbbVie negli USA, ha assunto ancora più importanza.
Attiva dal 2019, l’iniziativa ruota attorno al sito web, in cui le donne possono trovare informazioni importanti, come la differenza tra un ciclo mestruale normale e uno anomalo, che può essere causato dai fibromi, nonché opzioni di trattamento, dati da ricerche e contatti con gruppi di sostegno.

Sui social media, l’hashtag #TalkFibroids e la conversazione sui sintomi guidano le persone fino al sito, dove gli utenti possono avere ulteriori informazioni e iscriversi per ricevere e-mail.

Il sito Talk Fibroids ha avuto quasi 30mila visite e ha contribuito a guidare centinaia di visite ai gruppi di sostegno come la Fibroid Foundation, il White Dress Project, il Responsum for Fibroids e il CARE About Fibroids.

I fibromi sono la forma più comune di tumori non cancerosi per le donne in età riproduttiva. Si stima che il 70% delle donne caucasiche e oltre l’80% delle donne di afro-americane soffrano di fibromi entro i 50 anni di età.

AbbVie lo scorso anno ha avuto l’ok dalla FDA alla commercializzazione del suo farmaco per l’endometriosi Orilissa, in combinazione con estradiolo e acetato di noretindrone, venduto con il marchio Orihnn, per l’emorragie pesanti durante il ciclo dovute a fibromi uterini, nelle donne in premenopausa.

Notizie correlate

Lascia un commento