Abbott lancia nuovo test ematico: 3 minuti per diagnosticare il diabete

19 Giugno, 2019 nessun commento


Condividi:
Share

Abbott ha lanciato Afinion HbA1c Dx, il suo nuovo esame del sangue per la diagnosi del diabete, in grado di fornire risultati sull’’emoglobina A1c in soli tre minuti. In questo modo i medici possono avviare e sviluppare piani di assistenza nell’ambito di una singola visita del paziente presso il loro studio.

La società definisce il test come primo e unico esame rapido approvato dalla FDA per porre diagnosi di diabete o per valutare il rischio individuale di sviluppare la malattia in futuro. Afinion HbA1c Dx è ora disponibile per l’uso sugli analizzatori Afinion 2 e AS100 di Abbott.

“Oltre a dare ai medici la certezza della diagnosi di cui hanno bisogno per prendere decisioni valide durante la visita del paziente, il dosaggio HbA1c Dx fornisce alle persone che vivono con il diabete risultati in tempo reale; in questo modo, consultandosi con il loro medico, possano apportare modifiche al loro stile di vita e gestire meglio la loro condizione”, ha detto Elizabeth Balthrop, VP cardiometabolic and informatics in Abbott’s Rapid Diagnostics.

Il test diagnostico ha ricevuto per la prima volta l’autorizzazione della FDA, relativamente all’analizzatore AS100, nel mese di maggio del 2018. All’incirca nello stesso periodo c’è stato il lancio della piattaforma Afinion 2.

Il nuovo test integra anche quello precedente, Afinion HbA1c, approvato esclusivamente per il monitoraggio del controllo glicemico a lungo termine presso il centro di cura

All’inizio di questo mese, durante le sessioni scientifiche annuali dell’American Diabetes Association, Abbott ha presentato la prima valutazione dei dati del mondo reale riguardo al suo sistema di monitoraggio continuo del glucosio, FreeStyle Libre, nelle persone con diabete di tipo 2.

I dati hanno mostrato che questo sistema, dopo tre mesi di utilizzo, potrebbe aiutare a ridurre i livelli di emoglobina A1c di quasi un punto percentuale in pazienti insulino-dipendenti da diversi anni.

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*