Roche punta su Tecentriq per la terapia del cancro del polmone in fase iniziale

Condividi:
Share

(Reuters) – In uno studio i cui dati sono stati comunicati mercoledì 19 maggio, Tecentriq di Roche ha dimostrato per la prima volta di essere efficace nella cura dei malati di cancro del polmone in stadio iniziale, permettendo una sopravvivenza più lunga senza recidiva della malattia.

Questi nuovi dati positivi, divulgati al meeting annuale dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO) dimostrano che l’utilizzo di Tecentriq può aiutare a ritardare la recidiva del cancro. “Sebbene la chirurgia possa curare alcuni pazienti con carcinoma polmonare in stadio iniziale, la recidiva della malattia è ancora molto comune”, osserva Heather Wakelee, professoressa di Medicina dell’Università di Stanford e autrice principale dello studio, “Fino ad ora, la chemioterapia è l’unico trattamento noto per aiutare a ridurre questo rischio nella maggior parte dei pazienti”.

Nello studio di Roche, Tecentriq ha permesso ai malati con carcinoma polmonare in stadio II-III di sopravvivere liberi dalla malattia per una mediana di 42,3 mesi dopo l’intervento chirurgico e la chemioterapia rispetto ai 35,3 mesi dei pazienti che non hanno ricevuto Tecentriq.

Tecentriq ha inoltre ridotto del 21% il rischio di recidiva o di morte per la malattia. Inoltre, per un gruppo più piccolo di pazienti, i cui tumori esprimono PD-L1 che è una proteina che aiuta il cancro a nascondersi dal sistema immunitario, il beneficio è stato maggiore e la diminuzione del rischio è salita al 34%.

Il responsabile dello sviluppo dei prodotti oncologici di Roche, Charles Fuchs, spera che Tecentriq possa ottenere già quest’anno un’approvazione accelerata per la cura del cancro del polmone.

Fonte: Reuters Health News
(Versione italiana Daily Health Industry)

Notizie correlate

Lascia un commento