Sputnik V, il problema è la produzione

Condividi:
Share

(Reuters) – Trasformare l’impianto di quella che una volta era una fabbrica di automobili dell’era sovietica in una struttura all’avanguardia in grado di sfornare Sputnik V, il vaccino russo anti COVID-19, è stata la parte facile dell’impresa. Produrre grandi quantità dosi, trovare personale qualificato e ottenere le attrezzature adatte, hanno invece causato grattacapi molto più seri alla società biotecnologica R-Pharm, con sede a Mosca, e alle altre società private russe scelte per fabbricare il vaccino contro la pandemia.

Il presidente russo Vladimir Putin ha pubblicizzato il vaccino in tutto il mondo e ha detto a marzo che la Russia aveva firmato accordi per la fornitura all’estero di 700 milioni di dosi di Sputnik V. Alla data del 12 maggio, però, la Russia ha prodotto solo 33 milioni di dosi e ne ha esportate meno di 15 milioni. La produzione russa è di gran lunga inferiore a quella di centinaia di milioni di fiale che ogni mese Pfizer e AstraZeneca immettono sul mercato.

Il Fondo russo per gli investimenti diretti (RDIF), responsabile della commercializzazione del vaccino all’estero, ha affermato che la capacità di produzione di Sputnik V è attualmente in aumento a livello globale grazie alla partecipazione di nuovi produttori. RDIF ha detto a Reuters che prevede di produrre dosi sufficienti per vaccinare 800 milioni di persone nel 2021 e di aver “dimostrato il suo forte impegno a onorare i contratti di fornitura”.

Ha anche dichiarato di essere in attesa di un’offerta per fornire dosi a 50 milioni di persone nell’Unione europea. La Russia spera infatti che il vaccino venga approvato dall’EMA.

 

La produzione
La nuova fabbrica di R-Pharm (27.000 metri quadrati), situata alla periferia di Mosca, ha più di 200 bioreattori che coltivano le cellule che permetteranno di produrre il vaccino.

“La produzione di vaccini richiede circa 1/2 mesi o anche più per ogni serie”, dice l’amministratore delegato Alexei Repik. “Poi devi confrontare quello che hai ottenuto con il campione di riferimento. Se tutto corrisponde, sei fortunato, in caso contrario, butti via quello che hai realizzato”.

R-Pharm si stava inizialmente preparando a produrre 10 milioni di dosi al mese, ma alla fine di marzo non ne aveva ancora prodotto nemmeno un milione. Ha iniziato il processo di crescita cellulare a novembre ma il suo nuovo stabilimento deve ancora aprire ufficialmente.

I produttori, contattati da Reuters, hanno affermato che il vaccino è particolarmente difficile da realizzare a causa della sua progettazione come vaccino basato su un adenovirus come vettore.

“Il preparato è abbastanza difficile da fare e in realtà devi produrre due farmaci diversi”, ha detto Dmitry Morozov, amministratore delegato di Biocad, azienda che sta producendo Sputnik V.

Per affrontare questi problemi, la Russia collabora con AstraZeneca, il cui vaccino utilizza un diverso tipo di adenovirus. In diversi paesi sono in corso sperimentazioni di un vaccino mix-and-match delle due società su esseri umani.

 

Fonte: Reuters Health News
(Versione italiana Daily Health Industry)

Notizie correlate

Lascia un commento