2017: biosimilari alla prova del mercato americano

23 dicembre, 2016 nessun commento


Con il biosimilare di Remicade, Remisma (Celltrion), le copie dei farmaci biologici hanno messo scompiglio nel mercato europeo. Ora ci si chiede se avranno lo stesso effetto negli USA e il 2017 potrebbe essere l’anno di svolta per capire se questi prodotti avranno effettivamente successo e se i miliardi di dollari di vendite dei medicinali biologici originali si sposteranno a favore delle loro ‘copie’.

In totale, sette biologici su dieci avranno a breve la concorrenza dei biosimilari. Pfizer ha introdotto Inflectra negli Stati Uniti  con uno sconto del 15%. Secondo gli analisti di Bernstein, il biosimilare avanzerà lentamente nella prima parte del 2017, per accelerare poi nella seconda parte dell’anno. Un altro lancio recente è quello di Basaglar (Eli Lilly e Boehringer Ingelheim), biosimilare di Lantus (Sanofi). Le due aziende farmaceutiche lavoreranno per spostare sul loro biosimilare i 4,02 miliardi di dollari di vendite del farmaco originale, già messo in crisi dalle pressioni sui prezzi. E in arrivo ci sarebbe anche una versione dell’insulina prodotta da Merck.Il successo dei biosimilari, comunque, dipende da quanto tempo medici e pazienti impiegheranno per accettarli. Inoltre, negli USA ci sono questioni giuridiche pendenti, senza considerare il fatto che non si conosce ancora il futuro dell’Affordable Care Act, la riforma sanitaria di Obama. La Corte Suprema americana, infine, deve ancora pronunciarsi per stabilire le clausole di brevetto. In Europa, invece, “le dinamiche del mercato dei biosimilari stanno diventando abbastanza chiare”, ha scritto Ronny Gal, analista di Bernstein, prevedendo che il 2017 sarà “un anno spartiacque” per le ‘copie’ dei biologici e dove il successo dei biosimilari “è scontato”. Remisma di Celltrion ha già procurato un calo delle vendite del 26% del farmaco originale nell’ultimo trimestre in Europa. E secondo gli analisti il biosimilare potrebbe in futuro prendersi la metà del mercato del Vecchio Continente.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*