Variante Omicron, GSK/Vir Biotechnology: sotrovimab efficace contro tutte le mutazioni della proteina spike

Condividi:
Share

GlaxoSmithKline e Vir Biotechnology hanno diffuso un aggiornamento dei dati preclinici su bioRxiv, un server di prestampa, che dimostra che l’anticorpo monoclonale sperimentale sotrovimab mantiene l’attività in vitro contro la proteina spike di Omicron, la nuova variante SARS-CoV-2 (B.1.1.529).

I dati preclinici sono stati generati mediante test con pseudo-virus delle mutazioni note combinate della variante Omicron, che includevano il numero massimo di modifiche (37 mutazioni) identificate fino ad oggi nella proteina spike. Questi risultati si basano sui dati preclinici iniziali generati attraverso i test sugli pseudo-virus, forniti la scorsa settimana, che mostrano che sotrovimab ha mantenuto l’attività in vitro contro le singole mutazioni chiave della variante Omicron, comprese quelle trovate nel sito di legame del sotrovimab. Questi dati si aggiungono al crescente corpo di prove precliniche che dimostrano che sotrovimab mantiene l’attività contro tutte le varianti testate di preoccupazione.

“Sotrovimab è il primo anticorpo monoclonale a riportare dati preclinici che dimostrano attività contro tutte le varianti di SARS-CoV-2 testate che destano preoccupazione e interesse fino ad oggi, tra cui Omicron, così come l’ancora prevalente e altamente contagiosa variante Delta – osserva George Scangos, amministratore delegato di Vir – Dato lo spostamento di neutralizzazione inferiore a tre volte dimostrato nel test preclinico di pseudo-virus, che scende al di sotto della guida della scheda informativa autorizzata dalla FDA di meno di un cambiamento di 5 volte, siamo fiduciosi che sotrovimab continuerà a fornire un beneficio significativo per il trattamento precoce dei pazienti che sperano di evitare le conseguenze più gravi di COVID-19”.

“Fin dall’inizio della nostra collaborazione con Vir abbiamo ipotizzato che sotrovimab avrebbe avuto un’elevata barriera alla resistenza e quindi avrebbe potuto fornire il miglior potenziale della categoria per il trattamento precoce di pazienti con COVID-19 – aggiunge Hal Barron, Chief Scientific Officer e President R&D di GSK– Questi dati preclinici dimostrano il potenziale dell’efficacia del nostro anticorpo monoclonale contro l’ultima variante, Omicron, oltre a tutte le altre varianti preoccupanti definite fino ad oggi dall’OMS e non vediamo l’ora di discutere questi risultati con le autorità regolatorie di tutto il mondo. “

Notizie correlate

Lascia un commento



SICS S.r.l. Via Boncompagni 16 - 00187 Roma
Partita IVA: 07639150965

Daily Health Industry © 2022