Takeda: presentato il nuovo Laboratorio di Controllo Qualità nello stabilimento di Pisa

Condividi:
Share

È stato presentato ieri mattina il nuovo Laboratorio Controllo Qualità nello stabilimento Takeda di Pisa. L’evento ha visto la partecipazione di Deborah Bergamini, Sottosegretario per i rapporti con il Parlamento, Michele Conti, Sindaco di Pisa, di Massimiliano Barberis, AD di Takeda Manufacturing SpA, di Stefano Navari, Quality Head, e dell’AD di Takeda Italia, Annarita Egidi.

Lo stabilimento di Pisa, che oggi impiega circa 200 collaboratori, si occupa da oltre 30 anni della lavorazione dell’albumina, proteina ad alto valore terapeutico estratta dal plasma, necessaria per il trattamento di un ampio spettro di patologie gravi o di condizioni fisiologiche, come insufficienza epatica, sindrome nefritica, ipovolemia, difficoltà respiratorie e shock.

Per il Laboratorio di Controllo Qualità Takeda ha investito circa 2 milioni di euro, nell’ambito di un piano di investimenti di oltre 275 milioni di euro dal 2021 al 2025. La nuova struttura è progettata e realizzata nell’ottica di una produzione totalmente snella e garantirà ai pazienti farmaci plasmaderivati sempre più sicuri.

Ulteriori 17,4 milioni di euro saranno investiti per l’acquisto e l’installazione di una linea all’avanguardia (Isolator Technology) destinata alla lavorazione dell’albumina, e 30 milioni di euro per migliorare la sostenibilità ambientale l’efficienza, le infrastrutture e la sicurezza.

Il nuovo Laboratorio di Controllo Qualità è altamente innovativo e in grado sostenere gli incrementi di capacità produttiva e permetterà, inoltre, di internalizzare numerosi test che fino ad oggi erano eseguiti all’estero, in altre sedi Takeda.

“Il comparto farmaceutico è senza ombra di dubbio uno dei fiori all’occhiello del nostro Paese; pertanto, sono molto contento ed orgoglioso della presenza, nel nostro territorio, di un’azienda di successo come Takeda – commenta Michele Conti, Sindaco di Pisa – A Pisa si è consolidato ormai da decenni un distretto farmaceutico di assoluto rilievo, formato da realtà imprenditoriali di successo, nate in “una piccola città di elevato rango urbano”, per utilizzare una definizione di uno studio Irpet, caratterizzata da un’offerta d’istruzione ad alta specializzazione per la presenza di Università degli studi, Scuola Normale Superiore, Scuola Superiore Sant’Anna, Cnr e dotata di funzioni economiche che possono fare da motore d’innovazione per le attività produttive. Che il distretto si sia rivelato attrattivo anche per multinazionali come Takeda è il segnale che Pisa ha ancora grandi margini di crescita e che, tutti insieme, dobbiamo puntare a sviluppare ulteriormente questo settore.”

“Questi anni di pandemia ci hanno confermato l’essenzialità della ricerca soprattutto in campo farmaceutico – sottolinea Deborah Bergamini, Sottosegretario per i rapporti con il Parlamento – Se siamo qui oggi è perché la scienza ci ha consentito di contrastare e controllare la circolazione del Covid che ha messo in ginocchio tutto il mondo e ha piegato particolarmente l’Italia. Ad ognuno di voi, ad ogni ricercatore e lavoratore di Takeda, rivolgo il mio personale ringraziamento per l’attività che continuate a portare avanti con fierezza e per il ruolo sociale che ricoprite. Parlo di ruolo sociale perché la ricerca farmaceutica si pone come fine supremo il bene più prezioso per ognuno di noi: la salute. Grazie ai vostri studi e ai vostri investimenti, la ricerca farmaceutica italiana è ai primi posti a livello internazionale. Inoltre, non è da tralasciare il prestigio che dà al nostro Paese l’interesse di un’azienda multinazionale come la vostra, tanto più in un periodo come questo caratterizzato dalla forte pressione dell’economia globale. Il governo, attraverso il PNRR, ha voluto investire nella ricerca scientifica che per troppi anni è stata penalizzata sull’altare dei tagli e spero vivamente che questo sistema virtuoso che abbiamo messo a punto non venga interrotto, anzi preveda una maggiore e crescente sinergia tra pubblico e privato.”

Massimiliano Barberis spiega: “Il nostro obiettivo è quello di raddoppiare la capacità produttiva nei prossimi anni perché il numero di pazienti che, in Italia e nel mondo, ha bisogno di essere trattato con terapie plasmaderivate di altissimo profilo qualitativo, è in continua crescita – aggiunge Massimiliano Barberis, AD di Takeda Manufacturing SpA – Questo piano di investimenti contribuirà inoltre a confermare il ruolo di Pisa come fornitore principale di albumina per Takeda nei paesi in via di sviluppo.”

“Disporre di un laboratorio innovativo, disegnato e realizzato per eseguire con estrema efficienza ed accuratezza tutti i controlli previsti sui nostri prodotti, significa in estrema sintesi sicurezza, per Takeda e soprattutto per i nostri pazienti”, osserva Stefano Navari, Quality Head.

“Questo importante investimento economico, volto all’aumento della capacità produttiva di farmaci plasmaderivati, porterà con sé anche nuove assunzioni – conclude Annarita Egidi, AD Takeda Italia – Un incremento di risorse umane che si uniranno agli oltre mille dipendenti di Takeda già presenti in Italia e che ci consentirà di contribuire alla salute dei cittadini e di produrre valore per il Paese.”

Notizie correlate

Lascia un commento



SICS Srl | Partita IVA: 07639150965

Sede legale: Via Giacomo Peroni, 400 - 00131 Roma
Sede operativa: Via della Stelletta, 23 - 00186 Roma

Daily Health Industry © 2022