Sobi: una regata velica per i pazienti con trombocitopenia immune

Condividi:
Share

E’ stata presentata a Milano l’iniziativa ITP – In viaggio con Werlhof una sfida velica a cui parteciperanno alcuni pazienti con Trombocitopenia Immune (ITP) dell’Associazione AIPIT APS onlus. A capitanare l’equipaggio sarà il timoniere di Azzurra Mauro Pelaschier, Ambassador dell’iniziativa.

Obiettivo del progetto promosso da Sobi Italia con il patrocinio di AIPIT APS Onlus è raccontare come da oggi, grazie alla continua ricerca scientifica, sia possibile “levare l’ancora” e vivere una vita più libera, senza compromessi, al punto di poter prendere parte alla Millevele, la storica regata genovese che si svolgerà sabato 24 settembre.

“Vela è libertà. Si salpa, si lascia la terraferma e si guarda lontano verso un orizzonte sconfinato, carichi di emozioni diverse, emozioni di libertà ma anche di timore – dice Barbara Lovrencic, Presidente di AIPIT APS Onlus, l’associazione pazienti e caregivers italiana per la trombocitopenia immune – Per una persona con ITP queste emozioni sono ancora più forti perché l’ITP spesso viene descritta come un temporale e quando si parte per un viaggio il temporale fa sempre paura. Questo progetto vuole prima di tutto raccontare una patologia rara di cui si parla ancora troppo poco e dare coraggio ad altre persone affette da ITP. Grazie alla ricerca scientifica, oggi possiamo affrontare il nostro ‘temporale-ITP’ più serenamente e con maggiore libertà. Questo ‘viaggio con Werlhof’, la sfida del viaggio in mare navigando su una barca a vela, vuole lanciare il messaggio che nonostante questa malattia è possibile cavalcare le onde della vita.”

Sul sito del progetto www.itpinviaggioconwerlhof e sui canali social di AIPIT APS Onlus e di Sobi Italia sarà possibile seguire le avventure dell’equipaggio con foto e video diary del loro percorso, con un approfondimento sulla patologia per riconoscerne i sintomi e gestirla al meglio.

La Trombocitopenia Immune è una patologia del sangue – scoperta da Werholf nel 1735- caratterizzata da bassi livelli di piastrine che determinano nel paziente un rischio maggiore di episodi emorragici. Oltre a segni evidenti come la comparsa di petecchie e lividi, uno dei sintomi più frequenti e invalidanti è la fatigue (colpisce il 61% delle persone con ITP) che ha un impatto negativo sulla qualità di vita.

A confermarlo anche i dati della recente indagine pan-europea TRAPeze dove oltre la metà dei partecipanti con ITP ha indicato la fatigue come il sintomo più negativo nella vita quotidiana. TRAPeze, dall’inglese Thrombopoietin Receptor Agonist Patient Experience Survey, è stata condotta in Italia in collaborazione con AIPIT APS Onlus e il supporto di Sobi con un duplice scopo: esplorare la gestione delle terapie per l’ITP nella vita di tutti i giorni e partire dai bisogni di ciascuno per aumentare la consapevolezza e fornire indicazioni utili a migliorare la qualità di vita di queste persone.

Per quanto riguarda le soluzioni terapeutiche, l’impiego degli agonisti del recettore della trombopoietina (TPO-RA) si è guadagnato un ruolo di primo piano nel trattamento dell’ITP, rappresentando una milestone per la pratica clinica, grazie ai robusti dati di efficacia e sicurezza. Tuttavia, oggi i pazienti continuano a evidenziare importanti unmet need cui è urgente dare una risposta che possa migliorarne la qualità di vita.

“Oggi si apre un nuovo capitolo per il trattamento dell’ITP grazie a nuovi farmaci che entrano nell’armamentario terapeutico della piastrinopenia immune e che ampliano e ottimizzano le possibilità terapeutiche già disponibili per i pazienti con ITP – afferma Nicola Vianelli, ematologo presso l’Istituto di Ematologia “Seragnoli” del Policlinico S. Orsola – Malpighi, Bologna e Presidente del Comitato Scientifico di AIPIT APS Onlus – A questo proposito, per saperne di più, l’appuntamento con i pazienti è per il primo ottobre 2022 a Milano con il Patient’s Day nazionale organizzato da AIPIT, dove verranno illustrate da ematologi esperti in materia le novità acquisite”.

“Come Sobi il nostro impegno è sempre rivolto a portare benefici tangibili che possano rispondere ai bisogni ancora insoddisfatti di chi vive una malattia rara. Oggi siamo molto orgogliosi di portare una ventata di libertà carica di qualità di vita alle persone con ITP – osserva Giampiero Marra, Medical Director Sobi Italy, Greece, Cyprus and Malta – Siamo certi che il Viaggio con Werlhof regalerà grandi emozioni non solo all’equipaggio di persone con ITP che vivrà questa esperienza speciale, ma anche a tutti noi che, attraverso i racconti di vita di chi sfiderà le onde con l’ITP, avremo modo di capire meglio cosa significa vivere con una malattia rara, cronica che spesso viene confusa da chi non la conosce con una ‘banale’ stanchezza”.

“In mare come nella vita ci sono momenti difficili da gestire, bisogna essere pronti ad attraversare tempeste. Ma le tempeste si affrontano, senza lasciarsi scoraggiare – conclude Mauro Pelaschier – Il mare ci costringe a fare i conti con noi stessi. Anche io sarò ‘in viaggio con Werlhof’ e sono felice di poter dare il mio contributo a questo inconsueto ‘equipaggio’ e di condividere con loro un po’ di quelle sensazioni impagabili che si provano al largo”.

L’indagine TRAPeze
“TRAPeze”, dal nome di una classe di trattamenti in uso per l’ITP, gli agonisti del recettore della trombopoietina, è un’indagine pan-europea sull’esperienza di persone con ITP condotta per valutare i principali bisogni e difficoltà dei pazienti ed esplorare la gestione delle terapie per la trombocitopenia immune nella vita di tutti i giorni.

L’indagine è stata condotta, con il supporto di Sobi, in collaborazione con le diverse organizzazioni pazienti in Inghilterra, Irlanda, Spagna, Olanda, Germania e Italia; nel nostro Paese AIPIT APS Onlus l’ha diffusa attraverso i propri canali digitali dall’inizio di gennaio al 28 febbraio 2022, Giornata Mondiale delle Malattie Rare.

Hanno partecipato 69 persone, poco più di due terzi di sesso femminile con età media di 45,4 anni e tempo medio trascorso dalla diagnosi di 13,7 anni.

Se da un lato i sintomi clinici più comunemente riportati sono: lividi (79%), petecchie (62%), fatigue (61%), ansia per la conta piastrinica (51%) ed ematomi (49%), dall’altro lato l’ordine di importanza varia nel momento in cui i pazienti riportano i sintomi che maggiormente impattano sulla loro qualità di vita: fatigue (valutata come il sintomo più negativo), lividi e ansia per la propria condizione prendono il sopravvento, limitando in modo rilevante il quotidiano di chi ha questa rara malattia, fino a portare il 21.2% dei partecipanti a ricorrere a un supporto psicologico o a servizi di salute mentale.

Non solo. L’impatto dell’ITP si estende anche all’ambito lavorativo e agli affetti. Sul lavoro basti pensare che quasi il 91% dei partecipanti ha dovuto modificare il proprio lavoro a causa della condizione dovuta alla patologia, fino a dover ridurre il numero di ore lavorative settimanali per un terzo di loro.

Di grande impatto le dichiarazioni rilasciate da diversi partecipanti all’indagine: l’ambito maggiormente influenzato dall’ITP è stato quello familiare. Con il progredire della malattia nel tempo il rapporto con il partner subisce il maggior impatto, seguito dal rapporto con i colleghi e con la famiglia, fino agli amici.

La mancanza di contatti con la famiglia e gli amici è, infatti, stata costantemente citata, così come il tempo limitato con i figli; emergono, infine, ansie relative alla conta piastrinica e, negli ultimi due anni, ai rischi dell’infezione da COVID-19.

Per quanto riguarda il trattamento, il metodo di somministrazione, le interazioni con farmaci e alimenti e la frequenza di dosaggio sono i fattori più significativi che ne determinano la preferenza.

 

Notizie correlate

Lascia un commento



SICS Srl | Partita IVA: 07639150965

Sede legale: Via Giacomo Peroni, 400 - 00131 Roma
Sede operativa: Via della Stelletta, 23 - 00186 Roma

Daily Health Industry © 2022