Novartis-Sandoz, sarà spin off

Condividi:
Share

A meno di un anno dall’inizio di un’ampia revisione strategica, Novartis ha deciso il destino di Sandoz, la sua Unit di prodotti generici : sarà uno spin off.

La pharma svizzera intende scorporare Sandoz in un’azienda autonoma quotata in Borsa, dando vita così alla più grande compagnia europea di prodotti generici.

La separazione tra Sandoz e le attività farmaceutiche di Novartis era ampiamente prevedibile da quando il Gruppo di Basilea ha presentato la sua revisione strategica a ottobre 2021.

La concorrenza e la pressione sui prezzi negli Stati Uniti pesano da anni su Sandoz e sul più ampio settore dei farmaci generici. Inoltre, la presenza di un’attività nel settore dei generici non è in linea con l’obiettivo dichiarato del CEO di Novartis Vas Narasimhan di puntare su farmaci innovativi.

La separazione “sosterrà ulteriormente la nostra strategia di costruire un’azienda focalizzata sulle piattaforme tecnologiche e su farmaci innovativi dedicati in modo particolare a cinque aree terapeutiche”, ha dichiarato Narasimhan nei giorni scorsi, “La scissione consentirà inoltre alle due società di perseguire strategie diverse di allocazione del capitale”.

Negli ultimi mesi Sandoz ha attirato l’interesse di diversi acquirenti, tra i quali un consorzio di investitori composto da Blackstone e Carlyle, che avrebbe offerto una cifra vicina a 25 miliardi di dollari. Offerta, però, non confermata da Vas Narasimhan.

Sebbene il CEO rimanga fiducioso che possano emergere offerte esterne per Sandoz, ha riconosciuto che lo spin-off rappresenta lo scenario più realistico. E anche gli analisti sono generalmente d’accordo sul fatto che questa sia la soluzione migliore. “Riteniamo che questa decisione abbia senso dal punto di vista strategico. in quanto la divisione sta incidendo negativamente sulla crescita e sui margini del gruppo”, hanno scritto in una nota gli analisti di ODDO BHF.

Nel 2021, Sandoz ha realizzato vendite per 9,6 miliardi di dollari, in calo del 2% rispetto all’anno precedente, soprattutto a causa di una perdita del 15% negli Stati Uniti dove la pressione sui prezzi ha avuto la meglio.

Ma negli ultimi mesi le performance di Sandoz hanno mostrato segni di miglioramento. Nella prima metà del 2022, infatti, le vendite sono cresciute del 6% a valuta costante, raggiungendo i 4,7 miliardi di dollari e contribuendo per il 18,6% al fatturato totale di Novartis.

Anche grazie a questi risultati, Novartis ha dichiarato a luglio di aspettarsi una crescita dei ricavi a una sola cifra percentuale per l’attività dei generici, quando le previsioni indicavano una crescita piatta.

Negli ultimi anni, gli spin off sono diventati una strategia popolare tra le Big Pharma, che hanno cercato di abbandonare le attività al di fuori del core business e di lavorare per raddoppiare le vendite di farmaci a più alto margine di guadagno.

Con lo spin-off Sandoz dovrebbe essere quotata alla SIX Swiss Exchange con un accordo di American depositary share (Ads) negli Stati Uniti.

L’attuale CEO, Richard Saynor, rimarrà al suo posto. Lo spin off dovrebbe essere completato nella seconda metà del 2023 in attesa, tra le altre condizioni, delle approvazioni finali del consiglio di amministrazione e degli azionisti.

 

 

Notizie correlate

Lascia un commento



SICS Srl | Partita IVA: 07639150965

Sede legale: Via Giacomo Peroni, 400 - 00131 Roma
Sede operativa: Via della Stelletta, 23 - 00186 Roma

Daily Health Industry © 2022