Metaverso e i rischi per la privacy

Condividi:
Share

Il metaverso renderà le esperienze digitali sempre più coinvolgenti ed inclusive, ma solleverà preoccupazioni rispetto a privacy e altre possibili forme di danni online. GlobalData ha identificato i trend a livello normativo che potrebbero incidere sul metaverso.

Prima di tutto c’è il discorso della neutralità della rete. La maggior parte dei dati proviene da data center di proprietà e gestiti da Big Tech. Ma con la neutralità di rete, gli operatori di telecomunicazioni e quelli via cavo non possono addebitare ad aziende Big Tech prezzi commerciali e questo ha già determinato uno spostamento dell’equilibrio del potere dagli operatori di telecomunicazioni alle aziende Big Tech, come Google, Amazon, Meta, Microsoft e Alibaba.

La domanda del metaverso, inoltre, aumenterà la larghezza di banda richiesta rispetto al traffico internet attuale e questo, quasi sicuramente, sovraccaricherà le reti di telecomunicazione a meno che non si investa in infrastrutture a banda larga.

L’uso della realtà aumentata, della realtà virtuale e delle pubblicità, poi, sarà parte integrante del metaverso, con conseguente problema della privacy dei dati.

Attualmente sono in fase di sviluppo più versioni del metaverso, incentrate sull’uso consumer o aziendale. Gli sviluppatori del metaverso avranno le proprie politiche di protezione dei dati e preferiranno autoregolamentarsi nei primi giorni di messa online delle loro piattaforme.

Si prevede, comunque, che il metaverso sarà sottoposto a un controllo rigoroso. Ma le norme sulla privacy sono geograficamente frammentate, quindi gli sviluppatori di piattaforme dovranno garantire il rispetto delle leggi locali, ovunque si trovino.

 

Notizie correlate

Lascia un commento



SICS Srl | Partita IVA: 07639150965

Sede legale: Via Giacomo Peroni, 400 - 00131 Roma
Sede operativa: Via della Stelletta, 23 - 00186 Roma

Daily Health Industry © 2022