Johnson & Johnson rinnova la campagna HIV “Positively Fearless” con una nuova presenza digitale e un ambasciatore LGBTQ+

Condividi:
Share

Johnson & Johnson sta rafforzando la sua campagna contro l’HIV “Positively Fearless” mentre cerca di rompere il vecchio stigma legato alla malattia aumentando al contempo la sua presenza nella comunità LGBTQ+. La campagna senza marchio di J&J per i farmaci contro l’HIV risale al 2020 ma ora sta ricevendo un importante aggiornamento, ha spiegato in un’intervista Danielle DeFeo, leader della comunicazione e degli affari pubblici, HIV presso Janssen Pharmaceuticals.

“La nostra presenza digitale è rinnovata, ci siamo impegnati in nuovi ed entusiasmanti impegni pubblici e abbiamo anche un nuovo ambasciatore”, ha affermato DeFeo. La più grande aggiunta è infatti Octavia Lewis come ambasciatrice della campagna. “Octavia porta calore, umanità e un livello di compassione radicato nell’esperienza vissuta in tutto ciò che fa, inclusa la difesa dei diritti dei membri della comunità trans”, ha detto DeFeo. Inoltre, è “un’attivista e una sostenitrice molto umana, è una studiosa e, soprattutto, una madre”, ha aggiunto DeFeo.

Lewis, che è il primo ambasciatore transgender della campagna, “consente a Positively Fearless di considerare autenticamente i desideri, i bisogni, le paure, le preoccupazioni e le speranze per un domani migliore della comunità trans, la più ampia famiglia LGBTQ+, e di tutte le persone che vivono con l’HIV”, ha affermato DeFeo .

J&J ha anche riprogettato e rilanciato il sito web della campagna incorporando i “valori di rappresentazione, unicità e potere che emergono quando le persone lavorano insieme”, ha detto l’azienda a Fierce Pharma Marketing.

“Abbiamo progettato il nuovo sito per presentare storie reali dei nostri sostenitori e di altre persone che convivono con l’HIV”, ha spiegato DeFeo. “Abbiamo sostituito filmati d’archivio e risorse generiche con storie vere sulle sfide e sui trionfi che i nostri sostenitori devono affrontare nelle loro vite”.

Il sito offre anche risorse che i visitatori possono utilizzare per aiutare a difendersi nelle discussioni con i familiari, gli amici e gli operatori sanitari.

Ma l’aggiornamento non ha lo scopo di togliere nulla all’intento originale della campagna. “Il nostro ragionamento alla base di Positively Fearless rimane lo stesso dal primo giorno: ridefinire cosa significa vivere con l’HIV e mostrare a coloro che convivono con questa malattia che è possibile vivere una vita senza paura curandosi e difendendosi.

J&J commercializza una serie di trattamenti per l’HIV tra cui il nuovo cabotegravir+rilpivirine, un farmaco contro l’HIV a lunga durata d’azione di ViiV e Johnson & Johnson in grado di tenere a bada il virus con un’iniezione mensile invece di assumere pillole ogni giorno. Il farmaco ha ottenuto l’approvazione della FDA l’anno scorso.

L’azienda sta anche lavorando a un potenziale vaccino contro l’HIV nonostante abbia incontrato un ostacolo l’anno scorso quando una sperimentazione di fase 2 del preparato non è riuscita a proteggere le donne dalla malattia. Altre case farmaceutiche, inclusa Merck, avevano già ottenuto peraltro analoghi risultati deludenti in questo ambito.

J&J crede che la lotta contro l’HIV, e lo stigma ad essa spesso collegato, rimanga una battaglia importante. “Lo stigma esiste ancora in molti circoli sociali, culturali e politici e, sfortunatamente, si estende anche alle strutture sanitarie”, ha affermato DeFeo.

Oltre alla sua campagna, J&J ha anche appena preso parte a un altro lancio pubblicitario a livello nazionale della pubblicazione inaugurale PRIDE di USA Today. USA Today ha distribuito l’edizione di lancio sia in formato cartaceo tradizionale sia in formato digitale e ha collaborato con diversi partner famosi per ampliare la diffusione dell’edizione inaugurale tramite i social media.

Il prossimo autunno, J&J prevede di continuare la sua partnership con USA Today attraverso l’edizione speciale annuale Race in America “per esaminare le sfide associate alla sfiducia medica, in particolare all’interno della comunità LGBTQ+ nera e mulatta, con un’attenzione particolare su come tale sfiducia influenzi la comunità trans”, ha detto DeFeo. Questa pubblicazione riceverà una spinta da diverse celebrità tra cui Common, Venus Williams e Halle Berry.

 

di Ben Adams

(Versione italiana Daily Health Industry)

Notizie correlate

Lascia un commento



SICS Srl | Partita IVA: 07639150965

Sede legale: Via Giacomo Peroni, 400 - 00131 Roma
Sede operativa: Via della Stelletta, 23 - 00186 Roma

Daily Health Industry © 2022