Ema, Amsterdam non è pronta. Sala: partito il ricorso

Condividi:
Share

I ritardi si accumulano e Amsterdam non sembra più in grado di garantire un trasloco indolore dell’Ema. E si palesa anche lo spettro di costi supplementari. A lanciare l’allarme è il direttore esecutivo dell’agenzia regolatoria europea, Guido Rasi.  In una conferenza stampa assieme alle autorità olandesi, Rasi ha portato allo scoperto la situazione: il nuovo palazzo dell’Ema non e’ ancora pronto, e la soluzione transitoria proposta dagli olandesi “non e’ ottimale”, perche’ “dimezza” lo spazio della sede di Londra. Il che aggiunge “strati di complessità” al trasferimento e allungherà i tempi per tornare a funzionare regolarmente. L’Ema dovrà essere operativa ad Amsterdam dal primo giorno della Brexit, cioè dal 30 marzo 2019, ma “il palazzo finale non sarà pronto per allora e quindi dovremo andare in una sede temporanea nella città”, spiega Rasi. “Questo doppio trasferimento ci costringerà a investire più risorse e prolungherà il ‘piano di continuità’, ovvero impiegheremo di più per tornare alle operazioni normali”, ha aggiunto il direttore esecutivo. Milano, dunque, può tornare a sperare, anche se da Bruxelles fanno sapere che la decisione della nuova sede è stata presa dai 27 Paesi membri riuniti in apposita sessione. Il capoluogo lombardo gode dell’appoggio bipartizan. In serata il sindaco di Milano, Beppe Sala, ha annunciato che sono pronti i ricorsi del Governo e del Comune meneghino. Si tratta, dunque, di aspettare, anche se le speranze, come ha detto lo stesso Sala, “non sono altissime, ma dobbiamo provarci”.

Notizie correlate

Lascia un commento



SICS Srl | Partita IVA: 07639150965

Sede legale: Via Giacomo Peroni, 400 - 00131 Roma
Sede operativa: Via della Stelletta, 23 - 00186 Roma

Daily Health Industry © 2022