Vaccini COVID-19: Novavax chiede ok per uso in emergenza all’OMS

Condividi:
Share

(Reuters) – Novavax e il partner Serum Institute of India hanno fatto richiesta all’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) di approvare per l’uso in emergenza il loro vaccino contro il COVID-19, per accelerare la distribuzione nei Paesi a medio e basso reddito. Novavax, prevede di presentare domanda di autorizzazione negli USA e in Europa nel quarto trimestre dell’anno.

Con l’eventuale ok dell’OMS, infatti, Novavax potrà avviare spedizioni multiple nei Paesi in via di sviluppo, che si affidano proprio all’OMS per le politiche vaccinali.
Inoltre l’autorizzazione consentirebbe all’azienda di distribuire i vaccini attraverso i canali del programma COVAX, il cui obiettivo è quello di garantire un accesso equo e uniforme ai vaccini contro il COVID-19.

L’azienda americana ha già presentato la documentazione per l’ok a Paesi tra cui India, Filippine e Indonesia. Novavax e il partner indiano si sono impegnati a fornire insieme più di 1,1 miliardi di dosi a COVAX, mentre il programma ha distribuito, finora, meno di 300 milioni di dosi alle nazioni più povere, solo una piccola parte rispetto ai sei miliardi di dosi che secondo gli esperti sono necessarie.

Novavax ha dichiarato ad agosto che mirava a produrre 100 milioni di dosi al mese entro la fine del terzo trimestre 2021. Il vaccino dell’azienda americana è a subunità proteica contenente un adiuvante a base di saponina e ha un’efficacia superiore al 90%, almeno secondo i risultati di un trial clinico avanzato condotto negli USA. Il vaccino, inoltre, sarebbe attivo anche contro diverse varianti, compresa quella delta che è diventata dominante, ormai, in molti paesi.

Fonte: Reuters Health News
(Versione italiana Daily Health Industry)

Notizie correlate

Lascia un commento