USA: addio all’Obamacare. Quale sarà la Sanità di Trump?

16 gennaio, 2017 nessun commento


(Reuters Health)  –  A pochi giorni dall’insediamento di Donald Trump alla Casa Bianca, è già iniziata l’opera di smantellamento dell’Affordable Care Act, meglio conosciuto come Obamacare. Ma qual è il disegno per la Sanità del neo presidente degli USA e dei rappresentanti repubblicani del Congresso? Il 27 gennaio cominceranno i lavori delle commissioni istituite ad hoc sia al Senato, sia alla Camera dei Rappresentanti. Sul terreno della “controriforma” sanitaria è in atto una prova di forza politica ad alto rischio tra repubblicani e democratici, che potrebbe potenzialmente compromettere la copertura sanitaria per milioni di americani e creare il caos nel mercato delle assicurazioni sanitarie. La legge, che ha sette anni, ha permesso a 20 milioni di americani non assicurati in precedenza di ottenere la copertura sanitaria e ha contribuito a rallentare l’aumento della spesa sanitaria.
In un discorso al Senato, Lamar Alexander – un senatore repubblicano che lavorerà in una delle commissioni istituite –  ha affermato che l’assistenza sanitaria, almeno temporaneamente, potrebbe continuare con i sussidi che milioni di americani ricevono con i loro piani basati sull’Obamacare. Sussidi che -se impiegati per l’acquisto di piani assicurativi al di fuori della cornice dell’Obamacare –  aiuterebbero anche la transizione verso un nuovo sistema.
“La certezza è qualcosa di cui il settore assicurativo ha bisogno per non abbandonare la copertura”, sostiene il senatore della Georgia Johnny Isakson, un altro deputato repubblicano che ha lavorato alla stabilizzazione dei mercati assicurativi. Non è ancora chiaro se le commissioni riusciranno, per l’ambiziosa data del 27 gennaio, a redigere la bozza per l’abrogazione dell’Obamacare. Il presidente della Camera dei Rappresentanti, Paul Ryan, ha detto che i repubblicani si stanno muovendo “il più rapidamente possibile”.

Fonte: Reuters Health News

(Versione italiana per Daily Health Industry)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*