Takeda Italia, nuove nomine per l’Access e la BU Oncology

18 luglio, 2018 nessun commento


Novità in casa Takeda Italia. Dal primo luglio Claudia Russo Caia è il nuovo Value and Access Director, mentre Annamaria Egidi passa alla guida della Business Unit Oncology.

Claudia Russo Caia, laureata in Chimica, ha una consolidata esperienza nel settore farmaceutico maturata in diversi ruoli. Nel corso della sua lunga esperienza in Pfizer Italia, prima come Pricing & Reimbursement Manager, poi come Pricing & Reimbursement Strategy Lead, ha sviluppato e coordinato la strategia di negoziazione di diversi prodotti in molte aree terapeutiche. Ha inoltre contribuito a costruire una solida value proposition per il portafoglio prodotti, grazie all’esperienza maturata nell’area dei value based agreements e della farmacoeconomia, valorizzando le opzioni terapeutiche a beneficio dei pazienti e della classe medica. Il suo impegno nell’area Public Affairs & Policy e la profonda conoscenza del contesto farmaceutico, unite all’analisi dello scenario politico-istituzionale, le hanno permesso di rappresentare la visione aziendale ai tavoli associativi di settore. In Takeda, l’esperienza di Claudia Russo Caia sarà messa a frutto per garantire accesso e nuove possibilità di cura ai pazienti, collaborando al successo dei prodotti in arrivo e al consolidamento di quelli già disponibili.

Annarita Egidi, in Takeda dal 2013, è  laureata in Chimica e Tecnologia Farmaceutica e ha un Master in Economia. In questi anni ha ricoperto il ruolo di Market Access Director, costruendo in Takeda Italia un solido team di accesso e contribuendo a rendere disponibili farmaci innovativi per il trattamento delle Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali e nelle aree della onco-ematologia e del diabete.Nella sua nuova carica, come Oncology Business Unit Director, Annarita Egidi contribuirà a consolidare il ruolo di Takeda come player di riferimento in Oncologia, area terapeutica di sempre maggiore impegno per l’Azienda per offrire nuove opzioni terapeutiche che facciano la differenza nella vita dei pazienti.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*