Piazza Affari chiama il pharma italiano

6 luglio, 2018 nessun commento


Sono 13 le azienda farmaceutiche quotate alla Borsa di Milano, dove dal 2000 hanno raccolto oltre 870 milioni di euro, di cui oltre 700 milioni in Ipo. Il settore farmaceutico in Italia rappresenta nel suo insieme un fatturato di 324 miliardi di euro, con l’occupazione in crescita dell’1% all’anno negli ultimi due anni. Per sollecitare la quotazione delle aziende, Borsa Italiana, Assobiomedica e Farmindustria hanno organizzato la prima edizione del forum dell’Healthcare, al quale hanno partecipato i rappresentanti di 50 società che si sono confrontati con la comunità finanziaria.

A spiegare gli effetti positivi della quotazione in Borsa èstato il direttore finanziario di Amplifon, Gabriele Galli, secondo il quale la scelta fatta nel 2001 è stata “importante per la crescita dell’azienda”. Per l’amministratore delegato di Diasorin, Carlo Rosa, all’approdo a Piazza Affari è stato “fondamentale”. Guarda con favore alle quotazioni anche Massimiliano Boggetti di Assobiomedica il quale ha ricordato che il settore vive un “momento di grande attrattività”. La farmaceutica, secondo Pasquale Frega di Farmindustria, è strategica e può essere fattore di “crescita per tutta l’economia del Paese”.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*