Pharma e TV. Negli Usa il binomio funziona ancora

14 febbraio, 2018 nessun commento


Negli Usa le farmaceutiche continuano a credere nell’advertising TV.Il 2017 era terminato con un boom di spot trasmessi, secondo i dati del sito specializzato ispot.tv. È il nuovo anno sembra delineare il medesimo trend. La spesa pubblicitaria totale per il mese di gennaio è stata di 183 milioni di dollari, superiore a quella di dicembre (153 milioni di dollari) e a quella di novembre 2017 (159 milioni di dollari). In testa c’è sempre Abbvie, con 11 spot di Humira e una spesa stimata di 36,7 milioni di dollari.

Ecco la top ten
1. Abbivie, 11 spot Humira, spesa stimata 36,7 milioni di dollari
2. Pfizer: 4 spot Lyrica, spesa stimata 35,8 miloni di dollari
3. Novo Nordisk, 3 spot Victoza, spesa stimata 18,2 milioni di dollari
4. Johnson & Johnson, 2 spot Xarelto, spesa stimata 15,2 milioni di dollari
5. Pfizer, 2 spot Xeljanz, spesa stimata 14,7 milioni di dollari
6. Novartis, 2 spot Cosentyx, spesa stimata 13,5 milioni di dollari
7. Gilead, 1 spot Harvoni, spesa stimata 12,7 milioni di dollari
8. Eli Lilly, 2 spot Trulicity, spesa stimata 12,5 milioni di dollari
9. Eli Lilly, 1 spot Taltz, spesa stimata 12 milioni di dollari
10. MSD, 1 spot Keytruda, spesa stimata 11,6 milioni di dollari

.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*