Novartis: sempre più evidenze per Kisqali (cancro al seno)

26 giugno, 2017 nessun commento


(Reuters Health) – Nuove evidenze  per Kisqali (ribociclib). Il farmaco contro il tumore al seno di Novartis, che ha già ottenuto l’approvazione dall’FDA, ha ricevuto anche il parere positivo di un panel dell’EMA.  Kisqali ha mostrato un’ampia efficacia  in combinazione con la terapia ormonale, come prima linea di trattamento nei pazienti con recettori ormonali positivi , con recettore del fattore della crescita epidermica  localmente avanzato. Questo farmaco è considerato da Novartis un potenziale blockbuster, con stime di vendita pari a 1,5 miliardi di dollari entro il 2022. Kisqali agisce bloccando gli enizmi chinasi ciclina-dipendente 4 e 6. Sempre in campo oncologico Novartis sta pubblicando nuovi dati positivi anche per altri trattamenti, tra cui quelli  relativi alla terapia cellulare CTL019. Buoni i risultati anche per altri prodotti come il suo farmaco oculare  RTH258 e per l’antiinfiammatorio canakinumab.

Fonte: Reuters Health News

(Versione italiana per Daily Health Industry)

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*