Novacyt, ok UE a test per coronavirus?

Novacyt, ok UE a test per coronavirus?
Condividi:
Share

(Reuters Health) – Novacyt – che ha messo a punto un test per l’individuazione del nuovo coronavirus basandosi su una stretta sequenza di codifica del DNA – spera di avere il via libera dalla UE la prossima settimana e ha fatto richiesta alla FDA americana per un uso di emergenza. L’azienda non ha rivelato quanto ha investito nel test.

Martedì 11 febbraio l’OMS ha lanciato un appello per la condivisione di campioni di virus e per accelerare la ricerca su farmaci, vaccini e test diagnostici, dichiarando che l’epidemia cinese di coronavirus “rappresenta una minaccia molto grave per il resto del mondo”.

Ad oggi, la Cina ha riportato quasi 45mila casi confermati e oltre 1100 decessi. Più di 300 casi, inoltre, sono stati segnalati in almeno 24 paesi.

Per valutare se un paziente è infetto da coronavirus, i laboratori analizzano il DNA attraverso il sequenziamento genico. I campioni sono di grandi dimensione e richiedono una lunga revisione.

Nel caso del metodo proposto da Novacyt “si va invece a considerare una ristretta sequenza associata allo specifico coronavirus”, ha dichiarato Graham Mullis, CEO della biotech, secondo il quale il test è anche più economico e può essere usato su varie piattaforme presenti sul mercato.

Le azioni di Novacyt sono aumentate di quasi il 400% quest’anno, da quando l’azienda biotech ha dichiarato di avere messo a punto un test in grado di rilevare il coronavirus in meno di due ore. I test attuali, che possono identificare anche altri ceppi, possono richiedere fino a un giorno.

Nella corsa alla produzione di test la concorrenza è accanita. Diverse aziende, tra cui Thermo Fisher Schientific, GenScript Biotech e Co-Diagnostics, hanno sviluppato specifici esami e stanno cercando di farli approvare.

Roche sta invece distribuendo test per il coronavirus messi a punto dalla tedesca Tib Molbiol, mentre sta cercando di sviluppare un suo test. Anche Abbott Laboratories sta lavorando a un suo esame.

Fonte: Reuters Health News
(Versione italiana per Daily Health Industry)

Taggato con:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*