GSK: partnership con Lyall Immunopharma per le cellule T

Condividi:
Share

Aumentare la performance delle cellule T per migliorare la loro efficacia nella cura dei tumori solidi. È questo lo scopo dell’accordo siglato tra GlaxoSmithKline e Lyall Immunopharma. La partnership, che durerà cinque anni, vedrà unire i programmi di terapia cellulare e genetica di GSK con le tecnologie di Lyell che puntano a migliorare la funzionalità delle cellule T nella speranza di evitare le ricadute derivanti dal loro esaurimento.

Lyell offrirà a GSK una buona opportunità. Il suo CEO, Rick Klausner, ha fondato l’azienda dopo aver diretto il National Cancer Institute ed essere stato co-fondatore di Juno Therapeutics. I

Il team comprende anche il CSO Margo Roberts, già CEO di Kite Pharma, e il capo del settore R&S Stan Riddell, anche lui co-fondatore di Juno oltre che della stessa Lyell e che ha passato quasi tre decenni al Fred Hutchinson Cancer Research Center lavorando sulla terapia cellulare.

Secondo Klausner, Lyell “sta ridefinendo le modalità con cui vengono preparate le cellule dei pazienti a trasformarsi in terapie, modulando la funzionalità delle cellule in modo che mantengano l’attività nel microambiaente tumorale e stabilendo metodi di controllo per raggiungere specificità e sicurezza delle terapie cellulari dirette verso i tumori solidi”. E la tecnologia, che punta a utilizzare le cellule del paziente, potrebbe essere anche adattabile, in futuro, a un uso standardizzato con trattamenti allogenici.

Notizie correlate

Lascia un commento