Farmaci: pronta nuova IL-2 progettata al computer

Condividi:
Share

Grazie a uno speciale programma al computer, un team di scienziati dell’Università di Washington ha messo a punto, per il trattamento del tumore del rene e del melanoma, una nuova proteina simile all‘interleuchina-2, che non causa effetti collaterali.

Nota come Neo-2/15, assomiglia sia alla IL-2 che alla IL-15 e nei test su modelli animali ha attivato le cellule T contro il tumore, proprio come la IL-2 naturale, rallentando la crescita del cancro. Lo studio, pubblicato su Nature, è stato coordinato da David Baker e Umut Ulge.

L’IL-2 è un trattamento efficace per i pazienti che hanno esaurito le opzioni terapeutiche. Tuttavia, dal momento che ha un’emivita breve, spesso viene somministrata a una dose elevata per sprigionare l’effetto antitumorale, dose alla quale, però, aumentano le probabilità di gravi complicazioni.

Per questo, molte aziende hanno abbandonato la ricerca in questo campo.

L’IL-2 si lega a tre recettori: alfa, beta e gamma. Mentre l’attivazione delle cellule T passa attraverso il legame con i recettori beta e gamma, si pensa che il legame tra la proteina e il recettore alfa sia alla base degli effetti collaterali.

Per progettare la nuova molecola, i ricercatori americani hanno usato il programma Rosetta, sviluppato da Baker.

In questo modo, gli scienziati hanno studiato una molecola che si lega solo ai recettori beta e gamma, ma non a quelli alfa.

“Questa molecola potrebbe essere il primo di molti antitumorali studiati al computer che hanno proprietà migliori rispetto ai farmaci precedenti”, ha sottolineato Baker. E nonostante ci sia ancora molta strada da fare, il team è fiducioso per il futuro. Dopo ulteriori test sulla sicurezza d’impiego, infatti, secondo gli autori il farmaco potrebbe essere pronto per gli studi clinici nel giro di pochi anni.

Notizie correlate

Lascia un commento