Farmaci: cresce l’import export nella Ue

11 settembre, 2018 nessun commento


Le esportazioni e le importazioni dell’Ue di medicinali e prodotti farmaceutici sono cresciute quasi ogni anno tra il 2002 e il 2017, raggiungendo rispettivamente 156 miliardi di euro e 77 miliardi di euro nel 2017. Con un aumento delle esportazioni superiore alle importazioni, la bilancia commerciale è aumentata da un avanzo di 22 miliardi di euro nel 2002 al massimo storico di 80 miliardi di euro nel 2017. Sono questi i dati principali che emergono da un’analisi di Eurostat appena pubblicata.

Le esportazioni
Nel 2009, la quota delle esportazioni è aumentata dell’1,1% e le importazioni dell’1,8%. Ciò non è stato causato da un aumento degli scambi di medicinali e prodotti farmaceutici, quanto piuttosto dal calo del commercio totale. Dal 2009 le azioni sono state fluttuanti, ma c’è una chiara crescita generale. Dal 2002 la quota per le esportazioni è cresciuta dell’1,2%, mentre la quota per le importazioni è cresciuta del 2,8 per cento. Gli Stati Uniti spiccano come principale partner commerciale dell’Ue per i prodotti medicinali e farmaceutici nel 2017. Le esportazioni verso gli Stati Uniti (31,1%) sono quasi un terzo di tutte le esportazioni dell’Ue e sono seguite a una certa distanza dalla Svizzera (13,4%), dalla Cina (6,1%), dal Giappone (5,2%), dalla Russia (4,6%) e dal Canada ( 3,0%).

Le importazioni
Le importazioni verso l’Ue sono ancora più dominate dagli Stati Uniti (40,0%) e dalla Svizzera (34,4%). Gli altri sei principali partner di importazione sono Israele (5,2%), Singapore (4,5%), Cina (4,1%) e Corea del Sud (2,5%). Lo sviluppo degli scambi di medicinali e prodotti farmaceutici tra l’Ue e gli Stati Uniti è avvenuto soprattutto dal 2002 al 2017. In questo periodo di 16 anni le esportazioni sono cresciute di 30 miliardi di euro, in calo solo nel 2008, 2013 e 2016. Nel 2015, vi è stato un aumento eccezionalmente elevato di 14 miliardi di euro, che rappresenta quasi la metà della crescita dell’intero periodo. Le importazioni in questo periodo sono cresciute di 18 miliardi di euro, cadendo nel 2003, 2005, 2007, 2013 e 2017. Analogamente alle esportazioni, nel 2015 si è registrato un aumento particolarmente elevato di 7 miliardi di euro. Misurate come crescita media annua nel periodo 2002-2017, le esportazioni sono cresciute del 6,5% all’anno e le importazioni sono cresciute del 5,6% all’anno. Dal 2002 l’Ue ha avuto un avanzo commerciale con gli Stati Uniti, raggiungendo un picco di 19 miliardi di euro nel 2015 e scendendo a 18 miliardi di euro nel 2017. Gli scambi di medicinali e prodotti farmaceutici tra l’Ue e la Svizzera nello stesso periodo (2002-2017) vedono in crescita le esportazioni di 15 miliardi di euro, la metà rispetto agli Stati Uniti, scese solo nel 2003 e nel 2008. L’aumento maggiore (5 miliardi di euro) si è verificato nel 2017.

Extra Ue 
Gli Stati Uniti e la Svizzera dominano anche le importazioni extra-Ue. A eccezione della Corea del Sud, che è il principale partner per la Croazia e l’Ungheria, e dell’India, che è il principale partner per Malta, sia gli Stati Uniti che la Svizzera sono il principale partner per gli altri 25 Stati membri. La Cina è apparsa tredici volte come uno dei primi tre partner d’importazione, mentre nessun altro paese è apparso nei primi tre più di cinque volte. C’è più varietà nei partner di esportazione in cui troviamo diciassette partner diversi. I legami di prossimità e storici sembrano svolgere un ruolo importante, con la Russia, ad esempio, come partner principale per numerosi Stati membri nella parte orientale dell’Europa. Allo stesso modo, troviamo la Bielorussia sia per l’Estonia che per la Lituania e la Serbia per Bulgaria, Ungheria e Slovenia. I Paesi Bassi, grazie ai suoi porti e allo status di hub di trasporto, hanno il mercato di esportazione più frammentato, con i suoi tre principali partner che rappresentano solo il 22% delle sue esportazioni extra-Ue.

Germania uber alles
Tra gli Stati membri dell’Ue, la Germania nel 2017 rappresentava un quarto di tutte le esportazioni extra Ue (40 miliardi di euro) seguita a una certa distanza dal Belgio (20 miliardi di euro), dall’Irlanda (18 miliardi di euro), dal Regno Unito e Francia (entrambi 15 miliardi di euro). Sei paesi avevano quote superiori al 10% per prodotti medicinali e farmaceutici nelle loro esportazioni totali extra Ue: Irlanda (30%), Danimarca (23%), Belgio (19%), Slovenia (14%), Croazia (11%) e Austria (10%). La Germania (14 miliardi di euro) è stato anche il principale importatore, seguito dal Belgio (13 miliardi di euro) e dai Paesi Bassi (11 miliardi di euro). L’Irlanda (18%), l’Austria (13%) e il Belgio (10%) detenevano quote elevate di medicinali e prodotti farmaceutici nelle loro importazioni totali extra Ue.

Italia in crescita nelle esportazioni
Per quanto riguarda l’Italia, sul versante delle importazioni extra-Ue (che rappresentano il 5,1% del mercato) il principale partner sono gli Stati Uniti (circa il 45%), quasi a parità tuttavia con la Svizzera (poco più del 40 per cento. E al terzo posto, con una quota inferiore al 5% circa c’è la Cina e quasi con lo stesso valore (poco di più) gli “altri paesi”. Per quanto riguarda le esportazioni invece (4,8% del mercato), al primo posto sono sempre gli Stati Uniti, ma stavolta con una quota intorno al 35%, seguiti sempre dalla Svizzera con circa il 20% e dalla Cina intorno al 5 per cento. Sul versante delle esportazioni tuttavia aumenta il peso di quelle verso “altri paesi” che eguagliano la quota Usa. L’export italiano è valutato nel 2017 in 10,116 miliardi di euro (un quarto circa della quota della Germania considerata il maggior esportatore), l’import in 7,703 miliardi (la metà della Germania che detiene sempre in record di maggior importatore).

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*