Chiesi, 2016 da incorniciare

20 aprile, 2017 nessun commento


2016 molto positivo per Chiesi Farmaceutici, caratterizzato da un trend positivo sia in termini di fatturato, che ha raggiunto 1.571 milioni di euro, crescendo di +7,0% rispetto al 2015, sia a livello finanziario con EBITDA pari a 448 milioni di euro (+8.2% sul 2015). Sono cresciuti anche gli investimenti in Ricerca e Sviluppo (+12,5% rispetto al 2015), che hanno superato il 21% delle vendite totali, per un totale di 340 milioni nel 2016 e 51 progetti di ricerca all’attivo. Cresce anche l’occupazione, con l’organico che ormai conta 4.800 dipendenti. “La nostra azienda è fondata su uno spirito imprenditoriale che continua ad alimentare ogni aspetto del nostro quotidiano, unito ad un impegno costante per l’innovazione – ha commentato Alberto Chiesi, Presidente del Gruppo Chiesi – Questo impegno ci ha visto crescere perseguendo la nostra missione di sviluppare soluzioni farmaceutiche che migliorano la qualità della vita umana. Da un piccolo laboratorio di Parma, abbiamo ampliato le nostre capacità e la nostra presenza, anno dopo anno fino a diventare una delle prime 50 aziende farmaceutiche del mondo.

Pipeline area respiratorio sugli scudi
Tra i prodotti di punta nell’area del respiratorio vi sono brand storici che anche quest’anno hanno contribuito a una forte crescita del fatturato: Foster (beclometasone dipropionato e formoterolo fumarato) ha generato vendite per 583 milioni di euro, con un incremento del 16,6% rispetto all’anno precedente. Curosurf (poractant alfa), ha superato i 209 milioni di Euro, crescendo del 4,3% rispetto al 2015 e confermando la sua leadership mondiale quale farmaco salvavita, interamente sviluppato e prodotto in Italia, indicato per il trattamento della sindrome da distress respiratorio. Clenil (beclometasone dipropionato) ha generato vendite superiori a 174 milioni di Euro, in lieve calo rispetto al 2015 a causa di un effetto negativo derivante dall’evoluzione dei mercati valutari.

Mercati e operazioni commerciali
Le vendite internazionali nel 2016 hanno generato l’83% del fatturato. Per quanto riguarda l’Europa, le filiali hanno mostrato un incremento complessivo del 4,9% in termini di fatturato che ha raggiunto per la prima volta il miliardo di euro. Due le acquisizioni da segnalare nella regione Europa: Atopix Therapeutics Limited, un’azienda britannica focalizzata sulle biotecnologie che sviluppa trattamenti in fase clinica per l’asma che potenzia la pipeline di Chiesi nell’ambito delle patologie respiratorie, in particolare per le malattie infiammatorie respiratorie eosinofiliche e, per Chiesi Spagna, l’acquisizione dal Gruppo Zambon di Lipograsil, una gamma di integratori alimentari per il controllo del peso a base di ingredienti vegetali e micronutrienti, posizionandosi in un segmento chiave dell’area OTC spagnola con un prodotto forte e già consolidato nel mercato.  Inoltre Chiesi Italia, la filiale italiana del Gruppo Chiesi, ha concluso un accordo con la Marco Antonetto Farmaceutici per la distribuzione del listino, in qualità di concessionari esclusivi di vendita, per l’Italia, che conta alcuni marchi rilevanti nel panorama consumer healthcare, quali Digestivo Antonetto, Euchessina e Lievito Sohn. E’ stato inoltre raggiunto un accordo con la società americana The Medicines Company per l’acquisizione dei diritti di commercializzazione a livello mondiale di 2 prodotti ospedalieri Kengreal, Cleviprex e quelli per il mercato USA di Argatroban per via iniettiva. I mercati emergenti, nonostante le oscillazioni valutarie che hanno icondizionato la crescita economica del gruppo, hanno comunque vissuto una crescita ragguardevole: è il caso di Brasile, Turchia, Cina, Pakistan e Messico che sono cresciuti nel complesso dell’14,5% in valuta locale.“Nel 2016, abbiamo continuato la nostra traiettoria di crescita: sulla scia del successo dei prodotti consolidati come Foster, e attraverso l’espansione in aree terapeutiche associate, le vendite del Gruppo sono aumentate di quasi il 10% a parità di cambi rispetto al precedente esercizio, un risultato importante in un clima economico difficile che ci fa pensare che stiamo andando nella direzione giusta – commenta Ugo Di Francesco, CEO del Gruppo Chiesi – “Il 2017 si prospetta altrettanto interessante. Grazie a Trimbow, per cui ci aspettiamo l’autorizzazione all’immissione in commercio entro fine anno, per la prima volta, i pazienti con BPCO, avranno a disposizione un solo inalatore per somministrare contemporaneamente due broncodilatatori ed un antinfiammatorio. Un’innovazione terapeutica importante che permette non solo di controllare i sintomi, ma anche di prevenire le pericolose riacutizzazioni. E grazie anche a Lamzede che, se approvato, rappresenterà l’unica speranza per bambini e adulti affetti da una devastante malattia per cui ad oggi non esiste un prodotto medicinale autorizzato”.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*