Biotech: Apple si prepara a conquistare il mercato

27 maggio, 2016 nessun commento


Apple sta cercando nuovo personale per portare avanti le sue iniziative di tecnologia medica.

Il gigante tecnologico ha recentemente postato un’offerta di lavoro per un consulente privato concentrato su HIPAA e salute. Il candidato ideale verrebbe inserito all’interno dei team ingegneristici dell’azienda e consiglierebbe Apple su questioni di privacy per potenziali acquisizioni.

La persona assunta approfondirà il tema della “privacy ideando revisioni e progetti” che saranno d’aiuto per affrontare “proteste e violazioni della privacy” e “farà da consulente sugli aspetti legati alla privacy di accordi di licenza e provvigione e acquisizioni aziendali”, ha dichiarato Apple.

Verso i Big Data?
L’azienda di Cupertino sta alzando l’asticella per i potenziali candidati. Apple vuole qualcuno che abbia da 5 a 9 anni di esperienza “in un’azienda o impresa legale di alto livello”, con brillanti qualifiche accademiche e esperienza nella privacy in fatto di salute, ha detto nell’annuncio.

La ricerca di un esperto in HIPAA potrebbe significare che l’azienda desidera espandersi nella tecnologia medica in un modo che includerebbe la gestione di dati medici sensibili, osserva Business Insider. La conformità all’HIPAA porta con sé alcuni ostacoli e solitamente l’azienda assegna questo compito a sviluppatori di app terzi.

Ma con maggiori ambizioni di tecnologia medica all’orizzonte, l’azienda potrebbe iniziare a prendere di più le redini. L’annuncio di lavoro di Apple è arrivato un giorno dopo che il suo CEO Tim Cook ha ribadito l’impegno della sua azienda nell’ambito della tecnologia medica.

Cook ha sottolineato l’Apple Watch come una pietra miliare della sua strategia in questo campo. “Un giorno, questa è la mia previsione, ci guarderemo indietro e ci chiederemo: come avrei mai potuto fare senza l’orologio?”, ha detto Cook a una recente conferenza tenutasi ad Amsterdam.

L’azienda vede un “enorme” potenziale nella sanità, ha continuato, e Apple è già partita con alcun iniziative di tecnologia medica. Nel 2014 ha lanciato HealthKit, una piattaforma per i consumatori che raccoglie dati per fornire un quadro migliore della salute di un individuo.

Apple ha messo sul mercato anche ResearchKit e CareKit. Il primo aiuta gli sviluppatori a raccogliere i dati sulla salute degli utenti per scopi di ricerca. Carekit permette ai pazienti di gestire la loro salute in maniera elettronica rilevando sintomi e frequenza con cui prendono le loro medicine.

“Se si pensa ad alcuni dei più grandi problemi e sfide della società, uno di quelli su cui siamo più concentrati è la salute”, ha detto Cook. “Probabilmente il sistema sanitario potrebbe essere reso più semplice, dare risultati di gran lunga migliori, avere pazienti che si sentono davvero clienti…e avere sistemi e applicazioni che fanno uscire il meglio dai professionisti medici”.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*