Biden: pressioni per sospendere i brevetti sui vaccini anti COVID-19

Condividi:
Share

Alcuni politici e gruppi di pazienti chiedono all’amministrazione Biden di sospendere la protezione dei brevetti sui vaccini COVID-19 per contribuire ad aumentare l’offerta universale.

Dopo che la speaker della Camera, Nancy Pelosi, ha inviato una proposta con la richiesta di sospensione dei brevetti di farmaci e vaccini anti COVID-19, la CNBC ha riferito, citando persone a conoscenza dei fatti, che la Casa Bianca ha tenuto una riunione la scorsa settimana.

L’opinione prevalente tra i sostenitori di questa idea è che “non saremo al sicuro finché il mondo non sarà sicuro”. Infatti, se gli Stati Uniti hanno somministrato fino ad ora più di 143 milioni di dosi di vaccino contro il coronavirus, alcuni Paesi devono ancora iniziare le vaccinazioni.

Non sono solo i politici a mettere in dubbio l’utilità dei brevetti sui farmaci e sui vaccini anti COVID-19 sull’offerta globale. Anche Moderna deve affrontare nuove pressioni e il mese scorso Medici senza frontiere ha esortato i paesi ricchi a non opporsi a una proposta di rinuncia ai brevetti depositata presso l‘Organizzazione mondiale del commercio. Se fosse accolta, i brevetti verrebbero sospesi fino a quando il mondo non raggiungerà l’immunità di gregge.

Non è ancora chiaro se il team di Biden andrà avanti in questa direzione e molte domande rimangono senza risposta. Per prima cosa, non è chiaro come gli Stati Uniti potrebbero aumentare le consegne in altre Nazioni semplicemente rinunciando alla protezione offerta dai brevetti sui farmaci e sui vaccini anti COVID-19. Alcuni influenti esperti sostengono infatti che la sospensione della proprietà intellettuale sui prodotti immunizzanti contro il coronavirus non è una soluzione realistica.

In un editoriale pubblicato dal Wall Street Journal, l’ex commissario della FDA Scott Gottlieb ha osservato che la produzione di vaccini anti COVID-19 è complessa e richiede un particolare kno-how. “Consentire ad altri produttori di entrare in possesso della proprietà intellettuale dei vaccini non aumenterebbe l’offerta degli ingredienti di partenza”, ha scritto Gottlieb. “Renderà solo più difficile la fabbricazione dei vaccini per le aziende che li stanno producendo ora”.

Gottlieb, invece, raccomanda al team di Biden di fare come l’amministrazione di George W. Bush quando rispose all’epidemia di AIDS. Il governo degli Stati Uniti collaborò con i produttori di farmaci per acquistare e distribuire farmaci contro l’AIDS affidabili in Africa.

Di parere opposto sono le associazioni dei cittadini e dei pazienti. In una lettera della scorsa settimana, Public Citizen, il gruppo AIDS PrEP4All e altre organizzazioni hanno invitato il governo USA ha esercitare i diritti intellettuali del proprio brevetto su cui si basa la tecnologia del vaccino di Moderna.

“Questo brevetto di proprietà del governo è un importante strumento politico che il governo degli Stati Uniti potrebbe utilizzare per facilitare l’aumento della produzione di mRNA-1273 e garantire un accesso globale al vaccino rapido ed equo”, sostengono i gruppi.

Notizie correlate

Lascia un commento