Analisi digitali dei tessuti, cresce il mercato. In vetta 3Scan e Philips

12 luglio, 2016 nessun commento


Con un secondo finanziamento da 14 milioni di dollari, che fa seguito ai 6,7 milioni già raccolti a gennaio dello scorso anno, la società americana 3Scan può proseguire gli studi per mettere a punto un sistema digitale di analisi dei tessuti. A finanziare questa seconda tranche sono state Lux Capital e Data Collective, che si uniscono al primo investitore, Dolby Family Ventures, e ai nuovi sostenitori OS Fund, Comet Labs e Breakout Ventures.

Con la messa a punto del microscopio Knife Edge Scanning Microscope, 3Scan sta cercando di automatizzare e digitalizzare l’analisi dei tessuti nel campo dell’anatomia patologica. Il particolare microscopio brevettato dalla società americana taglia pezzi di tessuto in migliaia di blocchetti per digitalizzarli, poi, in immagini. L’apparecchio può gestire fino a 3.600 parti di tessuto l’ora. Una volta in formato digitale, le immagini possono essere utilizzate da sole o in combinazione.“La nostra piattaforma – ha sottolineato Megan Klimen, Direttore Operativo e co-fondatore di 3Scan – è l’anello di congiunzione tra radiologia e patologia”. Oltre a migliorare la diagnostica clinica, questo sistema potrebbe essere utilizzato anche nella fase pre-clinica di sviluppo di nuovi farmaci.

Nel frattempo, altre società sono impegnate nella digitalizzazione dei processi diagnostici. Nel mese di marzo, la Omnyx ha lanciato il software di patologia digitale per aiutare i medici a diagnosticare il cancro. Mentre a giugno, Philips ha acquisito PathXL, dell’Irlanda del Nord, che offre software di patologia digitale a più di 40mila utenti al mondo.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*