Allergan: Saunders spiega il tribal marketing che difende i brevetti

4 ottobre, 2017 nessun commento


Non si spegne negli USA l’eco delle polemiche relative alla cessione del brevetto del collirio Restasis da parte di Allergan a una tribù di nativi americani. Circa un mese fa il CEO di Allergan Brent Saunders, in un’intervista a un quotidiano di New York, annunciava questa operazione di marketing come parte di un astuta strategia per proteggere il brevetto del collirio. In virtù dell’accordo Allergan ha ceduto il brevetto di Restasis alla tribù di Saint Regis Mohawk, insieme a 13,75 milioni di dollari cash. Poiché la Saint Regis Mohawk Tribe gode del’immunità di Stato sovrano, può respingere la richiesta delle autorità USA di riesaminare il brevetto di Restasis chiesto dalle autorità USA. La tribù, che vive a nord dello Stato di New York, restituirà il brevetto ad Allergan in cambio di 15 milioni di dollari all’anno di royalties. Molti hanno criticato l’affare, altri lo hanno definito geniale. Quattro senatori hanno chiesto l’intervento del Congresso la scorsa settimana. E Saunders ha risposto alle critiche, con una lettera inviata martedì alla direzione della Commissione Giustizia del Senato. Il CEO ha detto che il sistema ha bisogno di cambiamenti. Ha invitato i legislatori a “proteggere l’innovazione che è la colonna portante dell’industria biofarmaceutica e dell’economia statunitense”. Affermando che “l’industria farmaceutica ha per anni spinto per cambiare il controverso sistema di revisione dei brevetti”. La lettera di Saunders segue una missiva della senatrice Claire McCaskill, che ha chiesto alla PhRMA – The Pharmaceutical Research and Manifactures of America, l’associazione delle aziende bio-farmaceutiche statunitense – di dichiarare pubblicamente che l’accordo soddisfa i criteri stabiliti dalle nuove linee guida sul comportamento dei suoi membri. PhRMA , dal canto suo, ha detto che la minaccia di una revisione dei diritti di proprietà intellettuale “unita alla necessità di difendere i brevetti in base a standard diversi, crea un’incertezza significativa per le aziende biofarmaceutiche che affidano alla sicurezza garantita dai brevetti i loro investimenti a lungo termine necessari per scoprire nuovi trattamenti e cure. PhRMA continuerà a sostenere i diritti dei titolari di brevetti legittimi e promuovere l’innovazione”. Saunders ha detto anche che Allergan ha concluso l’accordo con la tribù di nativi per evitare il “doppio rischio” di attacchi contro Restasis derivanti da un sistema “difettoso”. Ha anche aggiunto che i brevetti di Restasis forniscono ad Allergan la capacità finanziaria di condurre ricerche e soddisfare gli obblighi verso gli azionisti, i dipendenti, i pazienti e i medici. Restasis ha incassato 1,5 miliardi di dollari dalle vendite dell’anno scorso.

 

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*