AbbVie cambia la narrazione di Botox

Condividi:
Share

Non più celebrità. La nuova campagna pubblicitaria scelta da AbbVie per il Botox porta sotto i riflettori le persone comuni.

“See Yourself” mette in primo piano uomini e donne “medi” dai 31 ai 52 anni e con background diversi. Nella nuova serie di annunci video costituita da cortometraggi un intervistatore fuori campo chiede loro perché usano Botox. L’obiettivo dichiarato del business Allergan Aesthetics di AbbVie è quello di aprire un “dialogo libero” con le persone che scelgono il trattamento estetico per se stesse.

Stephen, un truccatore di 52 anni che ha perso il marito, è una persona romantica e speranzosa pronta a ritrovare l’amore, mentre Monique, 41 anni, è una mamma single che riporta l’attenzione su se stessa dopo anni passati a mettere i figli al primo posto nella sua vita. Yuhua è invece una drag performer di 31 anni che parla delle sue esperienze.
Ciò che tutti i soggetti intervistati hanno in comune è l’uso di Botox come strumento per prendersi cura di se stessi.

Girate dal documentarista Errol Morris, le pubblicità si aprono in stile film con il titolo “Botox Cosmetic Presents”. I soggetti parlano delle loro vite prima che Morris chieda: “Allora, cosa vedi quando ti guardi?” Ognuno può a parlare di se stesso, di come si vede e di che cosa vuole. Gli annunci TV terminano con un promemoria “Still You” che appare sullo schermo.

AbbVie ha iniziato a muoversi verso le “persone reali” a novembre del 2020, quando ha aggiornato la brand identity del suo prodotto più famoso modificando in questa direzione il sito web.

“Il nostro obiettivo è quello di fare in modo, attraverso una narrazione autentica, che le persone acquisiscano informazioni sul marchio in uno spazio aperto e inclusivo, libero da giudizi sulle decisioni relative al trattamento estetico”, ha affermato Carrie Strom, vicepresidente senior di AbbVie e Presidente globale di Allergan Aesthetics.

Quando la pandemia ha colpito per la prima volta, l’industria dell’estetica ha sofferto. Ma passare giorni a guardare Zoom e a riflettere ha spinto molte persone a prendere in considerazione i trattamenti estetici, creando un effetto esplosivo quando le restrizioni si sono allentate.

Notizie correlate

Lascia un commento