Sanofi: nuovi dati di efficacia per dupilumab nell’EoE

Condividi:
Share

Sono stati illustrati alla United European Gastroenterology (UEG) Week 2022 i risultati positivi di uno studio di fase 3 che valuta l’uso sperimentale di dupilumab – sviluppato congiuntamente da Sanofi e Regeneron nell’ambito di un accordo di collaborazione globale – nei bambini di età compresa tra 1 e 11 anni con esofagite eosinofila attiva (EoE).

I dati saranno presentati alle autorità regolatorie di tutto il mondo, partendo dalla FDA nel 2023. Nel mese di maggio dupilumab 300 mg a cadenza settimanale è stato approvato dall’ente regolatorio statunitense per il trattamento dell’EoE in persone di età pari o superiore a 12 anni, con un peso minimo di 40 kg.

I dati
Dupilumab ha portato a miglioramenti significativi nella misura di efficacia primaria per i gruppi a dose più alta (n=37) e più bassa (n=31) a 16 settimane nello studio di fase 3 randomizzato e controllato con placebo. Tra i bambini trattati con dupilumab, il 68% dei bambini che assumevano una dose più alta e il 58% dei pazienti che assumevano una dose più bassa hanno raggiunto l’endpoint primario di una significativa remissione istologica della malattia, rispetto al 3% di quelli che assumevano placebo (entrambi p<0,0001). I bambini che hanno assunto la dose più alta di dupilumab hanno anche registrato miglioramenti significativi nei risultati endoscopici anomali dell’esofago, con una riduzione di 3,5 punti rispetto a un aumento di 0,3 punti di quelli che assumevano placebo (p<0,0001).

Dal punto di vista dei sintomi, dupilumab a dosi più elevate ha portato a un miglioramento numerico della percentuale di giorni in cui i bambini hanno manifestato i sintomi della malattia rispetto al basale, come riferito dai loro assistenti, anche se non statisticamente significativo. Inoltre, è stata presentata un’analisi esplorativa prespecificata che ha rilevato che dupilumab a dosi più elevate ha portato a un aumento del peso corporeo per percentile di età pari a 3,09 rispetto al basale, rispetto a 0,29 del gruppo placebo.

I risultati sulla sicurezza sono stati generalmente coerenti con il profilo di sicurezza noto di dupilumab nella sua indicazione approvata per l’EoE per bambini e adulti di età pari o superiore a 12 anni che pesano almeno 40 kg.

Per il periodo di trattamento di 16 settimane, i tassi complessivi di eventi avversi (AE) sono stati del 79% (dose più alta n=27/37, dose più bassa n=26/30) per dupilumab e del 91% (n=31/34) per il placebo. Gli AEs più comunemente osservati con dupilumab (≥5%) rispetto al placebo includevano COVID-19 (dose più alta n=5/37, dose più bassa n=9/30, placebo n=0/34; tutti i casi sono stati lievi o moderati e non hanno portato all’interruzione dello studio), rash (dose maggiore n=3/37, dose minore n=3/30, placebo n=2/34), cefalea (dose maggiore n=1/37, dose minore n=4/30, placebo n=1/34), gastroenterite virale (dose superiore n=4/37, dose inferiore n=0/30, placebo n=1/34), diarrea (dose superiore n=2/37, dose inferiore n=2/30, placebo n=1/34) e nausea (dose superiore n=1/37, dose inferiore n=3/30, placebo n=0/34).

I tassi di interruzione del trattamento a causa di AEs prima della settimana 16 sono stati dello 0% (dose più alta n=0/37, dose più bassa n=0/30) per dupilumab e del 6% (n=2/34) per il placebo.

L’uso potenziale di dupilumab nei bambini con EoE di età compresa tra 1 e 11 anni è attualmente in fase di sviluppo clinico e la sicurezza e l’efficacia non sono state valutate da alcuna autorità regolatoria.

 

Notizie correlate

Lascia un commento



SICS Srl | Partita IVA: 07639150965

Sede legale: Via Giacomo Peroni, 400 - 00131 Roma
Sede operativa: Via della Stelletta, 23 - 00186 Roma

Daily Health Industry © 2022