Moderna: entro il 2025, 15 nuovi vaccini

Condividi:
Share

(Reuters) – Moderna ha annunciato che, entro il 2025, prevede di sviluppare e iniziare a testare vaccini contro 15 tra gli agenti patogeni più preoccupanti del mondo.

La biotech USA sta già lavorando con i suoi partner per lo sviluppo di vaccini contro le malattie causate da Chikungunya, febbre emorragica Crimea-Congo, Dengue, Ebola, Malaria, Marburg, febbre di Lassa, MERS e COVID-19.

Le collaborazioni includono anche un vaccino contro il virus Nipah – in accordo con il National Institutes of Health degli Stati Uniti – e un vaccino contro l’HIV, con la Gates Foundation e l’International AIDS Vaccine Initiative.

Moderna ha inoltre affermato che metterà a disposizione la sua tecnologia mRNA per i vaccini destinati a Paesi a reddito basso e medio, attraverso un programma chiamato mRNA Access; vi potranno lavorare tutti i ricercatori impegnati su nuovi vaccini contro malattie emergenti e trascurate.

Questa strategia è stata annunciata in vista del Global Pandemic Preparedness Summit, sponsorizzato dal governo del Regno Unito, e dalla Coalition for Epidemic Preparedness Innovations (CEPI).

All’inizio della pandemia di COVID, Moderna si è impegnata a non far valere i suoi brevetti sui vaccini durante la fase di emergenza della crisi sanitaria.

Ciò ha consentito lo sviluppo di un impianto di produzione di vaccini in Africa, sostenuto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, nell’ambito di un progetto pilota per fornire ai Paesi poveri e a medio reddito il know-how per produrre vaccini anti COVID-19.

Un portavoce dell’azienda ha affermato che Moderna non applicherà i brevetti per i vaccini anti COVID-19 sviluppati in Sud Africa da Afrigen Biologics, sostenuta dall’OMS, per i paesi AMC-92 a basso e medio reddito.

Fonte: Reuters

(Versione italiana Daily Health Industry)

Notizie correlate

Lascia un commento



SICS S.r.l. Via Boncompagni 16 - 00187 Roma
Partita IVA: 07639150965

Daily Health Industry © 2022