Giappone: i farmaci generici non decollano. E il Governo non taglia i prezzi

12 giugno, 2017 nessun commento


(Reuters Health) – Il Giappone ha abbandonato le proposte sui tagli dei prezzi dei farmaci sottoposti a prescrizione. La decisione arriva nel momento in cui il Giappone cerca di aumentare l’uso dei generici con l’obiettivo di portarlo all’80% entro settembre 2020 dall’attuale 56% circa. In questo modo si risparmierebbero centinaia di miliardi di yen ogni anno. Per alleviare l’onere del sistema nazionale di assicurazione sanitaria, il Governo ha affermato il mese scorso che avrebbe preso in considerazione il fatto che i pazienti preferiscono i farmaci costosi su prescrizione pagando la differenza di prezzo rispetto ai farmaci generici. L’esecutivo giapponese ha anche abbandonato l’idea di abbassare i prezzi dei farmaci sottoposti a prescrizione ai livelli dei farmaci generici. A dicembre il Governo aveva annunciato una valutazione annuale dei prezzi ufficiali e allargherà la revisione a tutti i farmaci sottoposti a prescrizione.

Fonte: Reuters Health News

(Versione italiana per Daily Health Industry)

 

 

 

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*