Effetto Amazon sul consumer USA. E Bayer si prepara

16 novembre, 2017 nessun commento


(Reuters Health) – L’”effetto Amazon” in Usa è sempre più forte e interessa trasversalmente tutti i settori industriali. È di poche settimane fa la notizia del debutto del leader della supply chain nel mercato della distribuzione dei farmaci. Ma la prima ondata dello tsunami nella distribuzione è atteso per i prodotti più facilmente “raggiungibili” dai consumatori. Nel campo farmaceutico, si tratta della fattispecie dei farmaci OTC e consumer health, che attraggono sempre meno gli acquirenti digitali in fuga dalle farmacie tradizionali.. La prima big pharma a muoversi è stata Bayer. Per affrontare i cambiamento ha assunto il responsabile dell’alimentazione pediatrica di Nestlè, Heiko Schipper. Il professionista, 48 anni, gestirà la divisione Consumer Health come membro del board e avrà il compito di rlanciare le vendite di questa linea di prodotti. Ma Amazon non è l’unica azienda a sparigliare le carte in tavola. In Usa ci si muove anche nell’ambito degli acquisti di rami di azienda. Il distributore farmaceutico McKesson ha acquisito un’unita di CVS Health Corp che fornisce servizi logistici alle aziende, con consegne nelle 24 ore. Gli analisti di Bernstein prevedono che Amazon “produrrà una compressione dei margini a lungo termine all’interno della filiera dei farmaci”. Nel mercato dei farmaci non soggetti a prescrizione, i consumatori comparano più facilmente i prezzi su Internet, con i marchi premium di Bayer come la crema solare Coppertone o il rimedio per l’allergia Clariting che spesso vengono messi all’angolo. “Quello statunitense è il mercato che sta assistendo a enormi cambiamenti strutturali”, ha dichiarato la dirigente uscente Erica Mann –il cui posto è stato preso da Schipper –  in una call con gli analisti in cui sono stati discussi i risultati del terzo trimestre di Bayer. “Abbiamo anche notato notevoli cambiamenti dei consumatori nel mercato USA, come un’accelerazione verso l’e-commerce, che io chiamo effetto Amazon”. Sia Pfizer che la tedesca Merck KGaA si stanno preparando a vendere i rispettivi business dei farmaci OTC. L’unità dei farmaci OTC di Bayer ha fatto registrare un calo del 7,4% nelle vendite del terzo trimestre, meno 2,9% aggiustato per le oscillazioni della valuta e i cambiamenti nel portfolio.

Fonte: Reuters Health News

(Versione italiana per Daily Health Industry)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*