CSR: Baxter nell’indice mondiale della sostenibilità Dow Jones. È la 17ma volta

15 settembre, 2016 nessun commento


Per il diciassettesimo anno consecutivo Baxter entra nell’indice mondiale della Sostenibilità del Dow Jones (DJSI World) e in quello relativo agli Stati Uniti (DJSI North America), con il riconoscimento di un’azienda di riferimento nel campo della responsabilità sociale d’impresa (CSR). Secondo la valutazione, Baxter si è contraddistinta quest’anno per il suo impegno verso le comunità, la filantropia e le politiche ambientali. Attività e programmi che fanno di Baxter una delle poche aziende presenti nell’indice DJ di valutazione della CSR fin dalla sua creazione, nel 1999. “Siamo convinti che la nostra posizione in tema di responsabilità sociale sia parte integrante della nostra mission aziendale ‘salvare e sostenere vite’ – ha dichiarato il CEO del Gruppo, Joe Almeida. È attraverso questo punto di vista che l’impatto globale dei nostri prodotti, la nostra presenza e le attività che portiamo avanti continueranno ad essere viste e apprezzate come è stato finora”.

Baxter ha anche recentemente pubblicato il report annuale della responsabilità sociale, dal titolo  ‘Making a Meaningful Difference’, all’interno del quale si descrivono la strategia, i programmi, i risultati e gli obiettivi che l’azienda si è posta. Tra le novità di questo ultimo report, c’è l’inserimento della strategia e degli obiettivi che si vogliono raggiungere entro il 2020, con una particolare attenzione alla sicurezza e salute dei propri dipendenti, al sostegno delle comunità, all’innovazione di prodotto e all’ampliamento dell’accesso, all’etica e alla conformità e, in generale, alla cultura aziendale.

La “fotografia” del 2015 Baxter nella CSR
Nel documento sono sintetizzati i principali risultati ottenuti a livello globale dall’azienda nel 2015. Ecco i più significativi:

più di 10.000 dipendenti hanno svolto e registrato 125 mila ore di esercizio fisico nell’ambito del progetto aziendale BeWell@Baxter Exercise Challenge;

i prodotti Baxter sono stati utilizzati in 35 paesi da medici operanti nell’ambito del programma di sostegno in ambito sanitario AmeriCares, che si occupa di supportare l’emergenza sanitaria a livello globale;

5.200 dipendenti hanno svolto attività di volontariato, per un totale di 92mila ore;

Baxter e la Baxter International Foundation hanno donato più di 24 milioni di dollari tra prodotti, contributi in denaro e sponsorizzazioni;

Baxter ha ridotto del 5% l’uso di acqua grazie ai miglioramenti dei processi produttivi nei suoi stabilimenti. Il 24% dell’energia utilizzata proviene, invece, da fonti rinnovabili.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*