Bayer vola, ma Monsanto continua a preoccupare gli analisti

27 giugno, 2017 nessun commento


Secondo quanto emerge dal report annuale, le vendite di farmaci prodotti da Bayer sono aumentate dell’8,7% nel 2016, raggiungendo i 16,4 miliardi di euro. Entrando nello specifico, a fare da lievito a questa apprezzabile crescita sono stati i farmaci top performing e l`aumento delle vendite dei prodotti consumer health e animal health (rispettivamente +3.5% e +4.8%),che hanno portato i ricavi complessivi della società tedesca ad una cifra superiore a 22 miliardi di euro. Sebbene Bayer abbia una solida previsione di crescita nel 2017, gli analisti continuano a essere preoccupati dall’acquisto di Monsanto, che potrebbe intaccarne le risorse della big pharma tedesca. Bayer potrebbe ritrovarsi senza capitale da investire in programmi di ricerca e sviluppo come quelli che hanno portato allo sviluppo di farmaci come l’anticoaugulante Xarelto e il trattamento oftalmico Eylea. Già lo scorso anno, all’indomani della notizia dell’acquisizione di Monsanto, l’analista di Bernstein Ronny Gal aveva espresso serie reoccupazioni  affermando che “Bayer non ha i fondi per investire contemporaneamente nell`agricoltura e in pharma. L`acquisto di Monsanto segna “un’occasione persa per sviluppare la pipeline pharma”.

La performance della pipeline
Xarelto ha registrato un aumento nelle vendite del 30% , grazie a numeri elevati conseguiti in Europa e Giappone. Bayer ha inoltre raccolto le royalties sulla licenza del farmaco dal partner americano Johnson & Johnson. Totale? Quasi 3 miliardi di euro. Eylea, da parte sua, ha portato nelle casse dell’azienda tedesca 1,62 miliardi di euro, in crescita del 32%. Stivarga contro il cancro del colon, Xofigo ,contro il cancro della prostata, e Adempas, contro l’ipertensione polmonare, potrebbero aumentare di 6 miliardi di euro l`ìncasso di quest’anno. Di contro, Bayer deve affrontare la pressione sui suoi farmaci contro l’emofilia (Kogenate / Kovaltry) generata da altri prodotti concorrenti. Nexavar (tumore rene e fegato) porta ancora incassi pesanti – 830 milioni di euro – ma deve affrontare la scadenza del brevetto nel 2020. Stivarga stesso sta tramontando. Un nuovo rivale, Lonsurf, del produttore giapponese Otsuka, è stato approvato nell’ottobre 2015 e da allora ha giocato un ruolo erosivo sulle vendite di Stivarga, che sono diminuite l’anno scorso del 12% (275 milioni di euro). Proseguiranno le vendite di prodotti consumer health, incrementati dopo l`acquisto nel 2014 dell`unità Merck e Co, e animal health, ma più lentamente del settore Pharma.

Investimenti in ricerca per il lungo termine
“Bayer avrà bisogno di investimenti nel settore ricerca e sviluppo farmaceutico per rafforzare le vendite a lungo termine.” Craig Smith, di BMI Research, è un altro analista preoccupato del fatto che Bayer non sarà in grado di fornire un numero sufficiente di nuovi farmaci nei prossimi anni. Smith ha sottolineato che l’azienda già spende meno delle altre Big Pharma per la ricerca e lo sviluppo. A tale riguardo, l’acquisto di Monsanto potrebbe significativamente indebolire la “capacità di Bayer di crescere all’interno dello spazio farmaceutico”. I farmaci più venduti di Bayer hanno mantenuto l’azienda in tendenza positiva negli ultimi anni. Lasciare che la sua pipeline si indebolisca perché sta spendendo denaro e tempo in campo agricolo sarebbe un errore con conseguenze a lungo termine.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*