Bayer-Monsanto: è stato davvero un grande affare?

19 settembre, 2016 nessun commento


All’indomani dell’accordo Bayer-Monsanto, gli analisti finanziari esprimono perplessità e non sono ottimisti per il futuro a medio-lungo termine. Secondo Ronny Gal, di Bernstein, questa per Bayer è un “occasione persa per sviluppare la pipeline farmaceutica, perché Bayer non ha i fondi da investire contemporaneamente nel settore agricolo e nel pharma”.”Il danno che deriva da questo accordo non si percepirà nell’immediato – continua Gal – perché Bayer dovrebbe mantenere buone le crescite di vendita fino al 2020 con Eylea, trattamento per gli occhi, e Xarelto, anticoagulante di nuova generazione. Ma non ha candidati che possano sostituire Xarelto, quando cadrà la copertura brevettuale nel 2024 ,e proprio questo era il momento per implementare la ricerca in tal senso”.

Craig Smith, di BMI Research, aveva avanzato preoccupazioni simili all’inizio di quest’anno, sottolineando che Bayer investe meno delle altre Big in R&S e l’accordo con Monsanto potrebbe ulteriormente indebolire la sua capacità di crescita nel mercato farmaceutico. Questo segmento di business avrebbe dovuto ottenere una spinta nel 2014 dopo l’acquisizione della divisione OTC di Merck, ma il Q2 ha mostrato delle debolezze. Bayer ha riconosciuto che la sua divisione legata all’assistenza sanitaria, che comprende sia human pharma, sia animal health, si ridurrà in termini d’importanza. Il settore ha rappresentato quasi il 70% del fatturato della società nel 2015, mentre i dati post fusione con Monsanto indicano che nel futuro la percentuale di importanza sul business generale scenderà al 49% del fatturato.Gli analisti mettono in guardia anche su un altro aspetto: l’accordo potrebbe non giungere a buon fine. “Ci aspettiamo ostacoli politici per un accordo che deve passare la regolamentazione dell’UE e degli Stati Uniti,” ha scritto Jonas Oxgaard, anch’egli di Bernstein, in una nota rilasciata all’inizio di questo mese, stimando la percentuale di successo per la fusione al 50%.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*